Home, Politica — 29 novembre 2013 alle 10:08

RICCARDO GHIGLIAZZA – IMPERIA DI TUTTI IMPERIA PER TUTTI : “Non possiamo non essere soddisfatti per la proposta di delibera sulla difesa della fabbrica Agnesi”

Il consigliere e capogruppo Riccardo Ghigliazza di Imperia di tutti Imperia per tutti ha dichiarato la soddisfazione del suo gruppo per la proposta di delibera sull’Agnesi: “Non possiamo non esprimere soddisfazione per il raggiungimento di una proposta di delibera comune sulla difesa dell’occupazione e della fabbrica Agnesi ad Imperia. Noi siamo consapevoli che alla radice di questa situazione ci siano […]

di Selena Marvaldi

ghigliazza

Il consigliere e capogruppo Riccardo Ghigliazza di Imperia di tutti Imperia per tutti ha dichiarato la soddisfazione del suo gruppo per la proposta di delibera sull’Agnesi: “Non possiamo non esprimere soddisfazione per il raggiungimento di una proposta di delibera comune sulla difesa dell’occupazione e della fabbrica Agnesi ad Imperia.

Noi siamo consapevoli che alla radice di questa situazione ci siano politiche industriali che non hanno saputo dare una identità ed uno sviluppo al Gruppo Colussi. Non si è scelta la produzione di alta qualità fortemente insediata sul territorio, né si è saputo dare all’opposto una dimensione industriale votata all’export ed alla grande distribuzione. La stretta creditizia e l’indebitamento con le banche hanno fatto il resto

Tutto ciò però non ci deve impedire di percorrere due strade.

Una prima è impegnare l’azienda, le forze sociali ed istituzionali ad un tavolo che cerchi e verifichi la reale volontà dell’azienda a creare le condizioni, di qualunque genere, che permettano la permanenza ad Imperia della produzione, di valutare anche, con garanzia del mantenimento del marchio, la possibilità di affitto del ramo di azienda ai lavoratori, tramite azionariato diffuso con partecipazione ,se possibile, degli enti locali, per la gestione della produzione.

La seconda strada, una volta non percorribile la prima, è di mettere in campo tutti gli strumenti di pressione, anche e soprattutto urbanistici, che non permettano, o rendano estremamente costoso, alla Colussi di far cassa con le aree ed i fabbricati in loro possesso nella nostra città e nel contempo non permettergli l’abbandono ed il degrado della struttura, cioè per essere più chiari, mai più un altro sito “Italcementi” ad Imperia.

 
 
 
FR_vetrine_3