Attualità, Cronaca, Home, Politica — 10 luglio 2013 alle 16:30

Il caso R.T. finisce davanti al Prefetto Fiamma Spena, l’intervista al presidente della Provincia Luigi Sappa

Stamattina in Prefettura ad Imperia, si è svolto un incontro per discutere del caso Riviera Trasporti. Oltre al Prefetto Fiamma Spena, hanno partecipato al vertice anche: l’assessore regionale ai trasporti Enrico Vesco, il presidente della Provincia Luigi Sappa, il sindaco di Imperia Carlo Capacci, l’assessore Gianni Berrino per il Comune di Sanremo, i rappresentanti della società e le rappresentanze sindacali. All’ordine […]

di Gabriele Piccardo
Sede Riviera Trasporti
Stamattina in Prefettura ad Imperia, si è svolto un incontro per discutere del caso Riviera Trasporti. Oltre al Prefetto Fiamma Spena, hanno partecipato al vertice anche: l’assessore regionale ai trasporti Enrico Vesco, il presidente della Provincia Luigi Sappa, il sindaco di Imperia Carlo Capacci, l’assessore Gianni Berrino per il Comune di Sanremo, i rappresentanti della società e le rappresentanze sindacali. All’ordine del giorno la difficile situazione economica della società che gestisce il servizio di trasporto pubblico in Provincia, il licenziamento di 3 dipendenti e il contenzioso con la Provincia di Imperia. 

Giudico l’incontro di questa mattina – ha detto il presidente della Provincia Luigi Sappa – molto interessante perché si è preso atto della necessità di definire in 15 giorni il contenzioso in atto tra gli enti proprietari (Provincia di Imperia, i comuni di:Sanremo, Imperia, Taggia, Camporosso, Dolcedo, Ospedaletti, Vallecrosia, Ventimiglia e la Comunità Montana dell’Olivo e Alta Valle Arroscia) e l’RT. C’è una commissione ad hoc che dovrà arrivare ad una definizione del contenzioso. La Provincia ha messo a disposizione le risorse, ci sono delle partite che riconosciamo e poi ci sono delle partite che i nostri dirigenti ci dicono non essere dovute dalla Provincia”.

Per quanto riguarda i lavoratori?

I sindacati chiedevano la revoca dei licenziamenti annunciati della società oltre all’apertura del tavolo per accedere agli ammortizzatori sociali. Alla riunione ha partecipato anche l’assessore regionale Vesco e mi sembrato di capire dalle sue parole che difficilmente arriveranno nuovi fondi. Vesco ha parlato della possibilità di replicare l’accordo che è stato trovato a Genova, una sorta di “contratto di solidarietà”, in questo senso si aprirà nei prossimi giorni un tavolo con i sindacati. L’azienda, per la discussione dei tre licenziamenti, ha chiesto lo spostamento della discussione tra una decina di giorni”.

La concessione del servizio in scadenza?

A fine 2013 scade il secondo anno di proroga che non può essere ulteriormente prorogato. Come Ente Provincia abbiamo sollecitato più volte la Regione per avere delle risposte in merito: allo stato di avanzamento del piano unico di bacino, alle risorse sono disponibili e alla possibilità di fare un bando di gara per l’assegnazione del servizio. Stiamo valutando, prendendo spunto dalla provincia di Genova che ha il 60% della società di trasporto pubblico, di fare una gara a doppio oggetto. L’obiettivo sarà, da una parte individuare il soggetto che andrà a gestire il servizio e dall’altra la possibilità di cedere delle quote. Anche le organizzazioni sindacali hanno espresso il loro favore all’apertura di un tavolo per la questione occupazionale”.

Clicca: Intesa su RT 10.7.2013 per leggere il comunicato stampa della Prefettura di Imperia.