Golfo Dianese, Home — 30 novembre 2013 alle 12:44

IMMIGRAZIONE E SOLIDARIETA’: CHE FARE? – Domenica 1 dicembre il convegno a Diano Marina

Domenica primo dicembre, alle ore 20.30, ospitata nella Sala Don Piana a Diano Marina, si terrà il convegno dal titolo “Immigrazione e solidarietà: che fare?” organizzato dal circolo dianese del Partito della Rifondazione Comunista. Interverranno come relatori un operatore sanitario di Emergency Alessio Cavalera e la responsabile politiche immigrazione della CGIL Alixia Patri. Saranno preceduti da una rappresentazione teatrale dal […]

di Selena Marvaldi

locandina_migranti

Domenica primo dicembre, alle ore 20.30, ospitata nella Sala Don Piana a Diano Marina, si terrà il convegno dal titolo “Immigrazione e solidarietà: che fare?” organizzato dal circolo dianese del Partito della Rifondazione Comunista.

Interverranno come relatori un operatore sanitario di Emergency Alessio Cavalera e la responsabile politiche immigrazione della CGIL Alixia Patri. Saranno preceduti da una rappresentazione teatrale dal titolo “Migrare“, scritta e interpretata da Daniel Del Ministro del gruppo teatrale L’Attrito.

Il PRC dianese ha così commentato l’evento: “Guerre dal sapore neo-imperialista, politiche economiche predatorie nei confronti del Sud del mondo, arretramento culturale, immiserimento e malattie sono le principali cause che spingono migliaia di persone a migrare a costo di rischiare la vita e indebitandosi per pagare i trafficanti.

Le numerose e spesso annunciate tragedie del mare, come quella di Lampedusa di 2 mesi or sono, i CIE (Centri di Identificazione ed Espulsione), autentiche prigioni per cittadini che hanno commesso il reato di “immigrazione”, i sommari respingimenti, denotano il fallimento della politica italiana sul controllo dell’ immigrazione ispirata alla legge Bossi-Fini. Uno stato, che si definisce civile e a grande vocazione cristiano-cattolica, dotato di una Carta Costituzionale tra le più avanzate al mondo, NON può accettare tutto questo! Prima di un serio intervento della Comunità internazionale che vada davvero nella direzione di promuovere un adeguato sviluppo del Sud del mondo, occorre mostrare accoglienza e solidarietà. Come ha detto la Presidente della Camera, Boldrini, “soccorrere sempre, non farlo è reato“.

 
 
 
FR_vetrine_3