Home, Imperia, Speciale Tares — 1 dicembre 2013 alle 16:30

AUMENTO TARES – “CHIUDEREMO IL RISTORANTE” – La delusione Maria Luisa Rosso dell’hotel “Piemontese”

“Guardi, 19.000 euro di Tares da pagare entro il 16 dicembre. Secondo lei come faccio?“. Maria Luisa Rosso, contitolare dell’hotel ristorante Piemontese di Imperia, non ci gira intorno e ci mostra subito il “foglio maledetto” su cui è segnata, nero su bianco, la somma di denaro da dover pagare in quindici giorni. “Quando è arrivata la lettera stavo facendo le […]

di Selena Marvaldi

hotel ristorante piemontese

Guardi, 19.000 euro di Tares da pagare entro il 16 dicembre. Secondo lei come faccio?. Maria Luisa Rosso, contitolare dell’hotel ristorante Piemontese di Imperia, non ci gira intorno e ci mostra subito il “foglio maledetto” su cui è segnata, nero su bianco, la somma di denaro da dover pagare in quindici giorni.

Quando è arrivata la lettera stavo facendo le crepes in cucinaracconta la signora Rossomi sono fermata, lavata le mani, sistemata, cambiata e sono andata in Comune. Non ho aspettato un istante. All’ufficio tributi ho visto uscire un signore prima di me con una faccia sconvolta e, appena entrata, l’operatrice mi ha subito detto ‘Sappiamo già tutto’. Poi ha guardato la somma che avrei dovuto pagare e ha sgranato gli occhi”.

Abbiamo deciso che dall’anno prossimo non faremo più servizio ristorante – prosegue la signora Rosso – ci pensavamo già da tempo visto che il settore è in crisi e l’arrivo della Tares da pagare è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. 19.000 euro è come avere un dipendente in più, noi non lo abbiamo perchè non c’è lavoro e non possiamo permettercelo e poi finisce che pago la stessa somma? E’ assurdo, ci stanno portando a chiudere e le associazioni di categoria beh – conclude ironicamente – le aspetto proprio a braccia aperte. Sono agguerrita, da oltre 50 anni siamo qui, abbiamo sempre pagato di tutto e già l’anno scorso, con 9000 euro di tassa della spazzatura, ci sembrava tanto. Ora questa è veramente troppo“.