Home, Imperia, Speciale Tares — 2 dicembre 2013 alle 18:48

AUMENTO TARES. “CONGUAGLIO DA 5 MILA EURO. IO NON CI STO A SOCCOMBERE PER COPRIRE I BUCHI DI BILANCIO FATTI DA ALTRI” – L’amarezza di Erika Parravicini, titolare del negozio Centro Mangimi Animali

Alle proteste di molto esercenti commerciali, proprietari di pizzerie e ristoranti, si aggiunge anche la voce di commercianti di altra natura, come Erika Parravicini, titolare del negozio Centro Mangimi Animali sull’Argine Destro. “Ho un negozio di mangimi per animali in via Argine Destro, Centro Mangimi Animali, e mi è arrivato un conguaglio tares pari a 3.188 euro che, sommati ai […]

di Redazione

image

Alle proteste di molto esercenti commerciali, proprietari di pizzerie e ristoranti, si aggiunge anche la voce di commercianti di altra natura, come Erika Parravicini, titolare del negozio Centro Mangimi Animali sull’Argine Destro.

“Ho un negozio di mangimi per animali in via Argine Destro, Centro Mangimi Animali, e mi è arrivato un conguaglio tares pari a 3.188 euro che, sommati ai 1900 pagati a maggio, fanno più di 5 mila euro, rispetto ai 2,600 pagati l’anno scorso.
Io non ci sto a soccombere per andare a coprire i buchi di bilancio
fatti da chi non si sa e non mi interessa, dico solo che mi unisco
al grido di disperazione dei commercianti di Imperia e dico basta.
Se proprio devo pagare voglio che riguardino le tariffe perché al
momento sono assurde. Io vendo scatolette, non oro e diamanti, e dopo
tanti anni di sacrifici non ho intenzione di chiudere l’attività che
mio papà ha creato con tanta fatica nel ’94. E poi dicono che si
intravede la ripresa, io vedo solo una continua ripresa per i
fondelli”.