Home, Imperia, Speciale Tares — 4 dicembre 2013 alle 18:47

CASO TARES – “NON SI PUO’ PENSARE CHE PAGARE LA SPAZZATURA COSTI PIU’ DI AVERE UN DIPENDENTE” – Anche il titolare della “Nuova Macelleria” protesta per l’aumento della Tares

“Non ci rovinano con questa Tares, ma bisogna capire il criterio con cui hanno deciso chi doveva pagare così tanto e chi invece di meno“. Il titolare della “Nuova Macelleria”,in via dell’Ospedale, Danilo Costantini ci spiega che il totale cui ammonta la sua Tares è di 2000 euro, ma è solidale con gli altri commercianti. “E’ una situazione allucinante e […]

di Selena Marvaldi

nuova macelleria

Non ci rovinano con questa Tares, ma bisogna capire il criterio con cui hanno deciso chi doveva pagare così tanto e chi invece di meno. Il titolare della “Nuova Macelleria”,in via dell’Ospedale, Danilo Costantini ci spiega che il totale cui ammonta la sua Tares è di 2000 euro, ma è solidale con gli altri commercianti.

E’ una situazione allucinante e manifestare è importante, noi andremo per solidarietà agli altri anche perchè oggi è toccata a loro, ma domani potremmo essere noi a ricevere una somma così ingente da dover pagare. Dobbiamo essere uniti al di là della politica o delle categorie, più siamo meglio è per manifestare il nostro disagio. Anche perchè forse non si rendono conto che se chiudiamo lasciamo a casa delle persone, delle intere famiglie che dipendono magari da questo lavoro. Pagare bisogna anche pagare in certi casi, ma questo è un furto al quale ci opponiamo“.

Anche noi come altri abbiamo anche da pagare i rifiuti speciali oltre alla Tares e non si può pensare che lo smaltimento della spazzatura costi più di un dipendente!” conclude Costantini.