Cronaca, Home — 30 maggio 2015 alle 08:00

TRAGEDIA ALLE VELE D’EPOCA. SERGIO SALVAGNO TORNA A IMPERIA. IL FRATELLO: “ABBIAMO UN LUNGO PERCORSO DA FARE, MA COMBATTEREMO”/ L’INTERVISTA

“Senza il fondo di solidarietà creato da Lucio Carli non so come avremmo fatto – spiega il fratello – Lui ci viene a trovare sempre insieme all’avvocato Panero, invece dell’amministrazione non si è presentato nessuno”

di Selena Marvaldi

ikunhgb

Imperia. In una stanza al primo piano della Clinica Sant’Anna c’è Sergio Salvagno, l’imprenditore colpito da un razzo durante le celebrazioni dello “Sbarco dei Pirati” a Borgo Marina in occasione delle Vele D’Epoca 2014.

Dopo quasi un anno di difficili operazioni, lunghi periodi in cui l’uomo era in coma e i familiari si aggrappavano solo alla speranza, ora Sergio è tornato a Imperia, non ancora a casa: “Non è ancora il momento, ci torneremo, ma ora abbiamo tanti piccoli passi in questo cammino per la riabilitazione“. A parlare è il fratello Fulvio che, insieme alla moglie di Sergio, alla figlia e ai parenti, gli sta accanto giorno dopo giorno.

Nei prossimi tempi dovremmo sapere se Sergio sarà trasferito a Milano o a Genova nei reparti specializzati di maxillo-facciale per fargli delle ulteriori operazioni per capire l’entità del danno al nervo ottico. Non sappiamo se gli verrà messa una protesi o se potrà esserci un trapianto…” Su questo punto il fratello è interrotto da Sergio stesso. Non riesce a parlare, pronuncia solo una sillaba, “to”, ma si riesce far capire lo stesso con una grande forza d’animo: lui vuole tornare a vedere, vuole tornare a camminare e vuole riprendersi la sua vita.

Stiamo lavorando sul linguaggio – spiega il fratello – La logopedista ci ha detto che ha memorizzato questa sillaba, ma si sta sforzando a non usarla e parlare con la mano piuttosto. Alcune parole però le pronuncia, se non avrà recuperato abbastanza dopo l’intervento alla cavità oculare andremo in un centro apposito“.

È un percorso duro e faticoso, ma si vede che quest’uomo ha voglia di tornare a vivere e alla domanda se è felice di essere tornato a casa Sergio dice sì, convinto. “Essere di nuovo tutti insieme è importante per noi e per lui. Senza il fondo di solidarietà creato da Lucio Carli non so come avremmo fatto - spiega il fratello – Lui ci viene a trovare sempre insieme all’avvocato Panero, invece dell’amministrazione non si è presentato nessuno”.