Home, Politica — 6 dicembre 2013 alle 17:55

PIERA POILLUCCI – FI – SUL CASO TARES: “L’Assessore Abbo ha avuto da circa un mese un relazione scritta degli Uffici Finanziari del Comune ove si segnalava chiaramente quali fossero le categorie colpite dalla TARES, ma non ha mosso un dito”

Piera Poillucci, capogruppo di Forza Italia, si è espressa dopo la conferenza dei capigruppo sulla questione Tares: “Finalmente si è tenuta quest’oggi la Conferenza Capigruppo che ho chiesto cinque giorni fa ed ora ho le idee piu chiare: l’Assessore Abbo ha avuto da circa un mese un relazione scritta degli Uffici Finanziari del Comune ove si capiva e segnalava chiaramente […]

di Selena Marvaldi

Piera Poillucci

Piera Poillucci, capogruppo di Forza Italia, si è espressa dopo la conferenza dei capigruppo sulla questione Tares:

“Finalmente si è tenuta quest’oggi la Conferenza Capigruppo che ho chiesto cinque giorni fa ed ora ho le idee piu chiare: l’Assessore Abbo ha avuto da circa un mese un relazione scritta degli Uffici Finanziari del Comune ove si capiva e segnalava chiaramente quali fossero le categorie colpite dalla TARES, ma né ha mosso un dito né ha ritenuto di riferire nel Consiglio Comunale dello scorso 28 novembre.

Secondo fatto di gravità inaudita è quello di avere supposto (erroneamente!) che il Regolamento TARES non fosse più modificabile. Gli consiglio almeno la consultazione del sito dell’ANCI ove troverà le circolarial riguardo. Ci ha riferito, inoltre, il Dott. Abbo che l’Assessore Fresia avrebbe incotrato, da giugno ad oggi, ben 25 volte le Associazioni di Categoria: mi chiedo di che cosa si sia parlato in quelle occasioni, se non del colpo di grazia ai commercianti!

Quanto alla soluzione prospettata per far fronte ora all’emergenza, mi pare certamente meglio di niente, ma non è che una pezza provvisoria che preseta sia dubbi di legittimità, sia dubbi di equità. E’ evidente infatti che, se non verrà fatto un provvedimento di legge ad hoc per Imperia, il prossimo anno i commercianti pagheranno lo “sconto” avuto ora più l’importo del 2014.

Il dubbio di equità sorge perché invece chi non ha protestato non ha lo sconto e chi ha già pagato non avrà nulla in restituzione. Abbiamo nell’occasione saputo che lunedì il Sindaco sarà ancora all’estero: è evidente che per l’Aministrazione di Centro Sinistra di Capacci le priorità sono – anche oggi- ben altre!”

 
 
 
FR_vetrine_3