Home, Politica, Speciale Tares — 6 dicembre 2013 alle 19:54

SPECIALE TARES – L’AMMINISTRAZIONE INCONTRA ASSOUTENTI E FEDERCONSUMATORI PER DISCUTERE DEI RINCARI DELLA TASSA ALLE LE FAMIGLIE

Gli Assessorati ai Servizi Finanziari e alle Attività Produttive rendono noto che in data odierna hanno incontrato i rappresentanti delle Associazioni dei consumatori (Prof. Santino Camoninta – Assoutenti – e Francesco Giribaldi – Federconsumatori) in merito alla problematica TARES con riferimento agli avvisi di pagamento del nuovo tributo relativi alle utenze domestiche (famiglie). L’Amministrazione ha fatto presente alle Associazioni che […]

di Gabriele Piccardo
L'assessore ai servizi finanziari Guido Abbo e l'assessore alle attività produttive Enrica Fresia

L’assessore ai servizi finanziari Guido Abbo e l’assessore alle attività produttive Enrica Fresia

Gli Assessorati ai Servizi Finanziari e alle Attività Produttive rendono noto che in data odierna hanno incontrato i rappresentanti delle Associazioni dei consumatori (Prof. Santino Camoninta – Assoutenti – e Francesco Giribaldi – Federconsumatori) in merito alla problematica TARES con riferimento agli avvisi di pagamento del nuovo tributo relativi alle utenze domestiche (famiglie).

L’Amministrazione ha fatto presente alle Associazioni che la TARES prevede l’applicazione di una maggiorazione alla quota comunale pari a € 0,30 a mq che affluisce direttamente alle casse dello Stato e non rientra nella sfera di competenza comunale. Per le famiglie inoltre il calcolo viene determinato non più come in passato solo sulla base dei mq, ma viene considerata anche la numerosità del nucleo famigliare, per cui la distribuzione del nuovo tributo è differente rispetto alla Tassa Rifiuti applicata negli anni scorsi. Ad esempio un soggetto che occupa un immobile di 30 mq con la TARES avrà un incremento del carico fiscale, mentre un soggetto che occupa un immobile di 100 mq avrà una riduzione, questo perché una parte del tributo è correlato ai mq e un’altra parte è legata al numero degli occupanti ed è rappresentata da un importo in Euro. A parità di superficie i nuclei famigliari con più di due occupanti hanno subito degli incrementi, per gli altri il carico fiscale si è invece ridotto.

Viene ricordato che il Regolamento TARES della Città di Imperia ha introdotto un’esenzione per i contribuenti con un ISEE inferiore ai € 6.156,00=. Ad oggi circa 400 contribuenti della Città di Imperia hanno usufruito di tale esenzione, per tutti coloro che non avessero avuto notizia dell’esenzione TARES è comunque ancora possibile presentare richiesta agli uffici comunali attraverso autocertificazione, eventualmente allegando ISEE aggiornato. Gli uffici sono comunque a disposizione per ogni ulteriore informazione. Tutte le informazioni sono inoltre riportate sul sito internet del Comune.

Non essendo stata prevista una dichiarazione iniziale TARES, per ovvi motivi di semplificazione, i dati del nuovo tributo sono stati reperiti dagli archivi della Tassa Rifiuti, che in alcuni casi hanno evidenziato delle incongruenze, per questo motivo gli uffici sono a disposizione per la verifica dei dati e l’eventuale correzione di errori causati dal disallineamento dei dati di partenza. In particolare si chiede di prestare particolare attenzione al numero dei componenti del nucleo famigliare (NCF) che in alcuni casi è risultato non corretto a causa di dati non congruenti.

Gli uffici sono comunque a disposizione per valutare situazioni particolari che hanno comportato significativi incrementi del carico fiscale, che verranno valutati singolarmente dagli Uffici comunali.

L’Amministrazione ha reso edotte le parti intervenute circa la ferma volontà di addivenire alla determinazione delle tariffe delle utenze domestiche relative all’esercizio 2014 previo confronto con le Associazioni dei consumatori, sia per fornire una corretta e tempestiva informazione che per raccogliere suggerimenti che verranno portati dalle Associazioni al tavolo di confronto.