Home, Imperia, Speciale 9 dicembre — 10 dicembre 2013 alle 22:27

LA PROTESTA DEI FORCONI – Il Tavolo Permanente delle imprese esprime preoccupazione per la situazione di caos e disagio creato dalla manifestazione

Il Tavolo Permanente delle imprese (Confcommercio, Confesercenti, Cna, Confartigianato, Confindustria, Coldiretti, Cia, Unione Agricoltori, Confcooperative, Lega Coop) riunito presso la CCIAA di Imperia esprime preoccupazione per la situazione di caos e disagio creato dalla manifestazione degenerata nella protesta che ha paralizzato la città. 2 –Si chiede a Prefettura, Questura, carabinieri e Forza dell’Ordine di garantire le libertà fondamentali previste dalla […]

di Redazione

image

Il Tavolo Permanente delle imprese (Confcommercio, Confesercenti, Cna, Confartigianato, Confindustria, Coldiretti, Cia, Unione Agricoltori, Confcooperative, Lega Coop) riunito presso la CCIAA di Imperia esprime preoccupazione per la situazione di caos e disagio creato dalla manifestazione degenerata nella protesta che ha paralizzato la città.

2 –Si chiede a Prefettura, Questura, carabinieri e Forza dell’Ordine di garantire le libertà fondamentali previste dalla Costituzione, le libertà di movimento e di iniziative lavorative
3 – Pur nel rispetto della libertà di protesta nella espressione delle proprie convinzioni che rimane un principio inalienabile di uno Stato civile non si può non considerare il limite, che deve sempre essere osservato, del rispetto dei diritti di tutti i cittadini.
4 – Il Tavolo permanente delle Imprese invita coloro che abbiano subito minacce e aggressioni a informare Questura e Forze dell’ordine con le quali il Coordinamento mantiene stretto contatto
5 – Ai cittadini imperiesi che hanno subito disagi dalla situazione di protesta esprimiamo solidarietà
6 – Purtroppo i danni per le imprese aggravano un quadro di grave crisi. Molte aziende rimaste a secco di materie prime rischiano di dover ricorrere alla Casa integrazione o di fermare l’attività
7 – Le organizzazioni di categoria invitano il Governo e le forze politiche a una presa di coscienza delle difficoltà in cui versano le imprese e si fanno carico di promuovere le necessarie azioni di proposta di riforma.