Attualità, Cronaca, Home, Politica — 30 luglio 2013 alle 10:34

Caso villette “abusive” di Dolcedo: ieri in Comune ad Imperia incontro tra il presidente della Regione Burlando e il comitato dei proprietari

Il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando ha incontrato in Comune ad Imperia il comitato delle villette “abusive” di Dolcedo. Durante l’incontro al quale ha partecipato anche l’assessore regionale all’urbanistica Gabriele Cascino, i proprietari delle case hanno illustrato al presidente la paradossale situazione nella quale sono finiti. Gli oltre 100 indagati, lo ricordiamo, sono stati raggiunti ad un avviso di […]

di Gabriele Piccardo
Cascino comitato dolcedo

L’assessore Cascino a colloquio con i rappresentati del comitato delle villette di Dolcedo

Il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando ha incontrato in Comune ad Imperia il comitato delle villette “abusive di Dolcedo. Durante l’incontro al quale ha partecipato anche l’assessore regionale all’urbanistica Gabriele Cascino, i proprietari delle case hanno illustrato al presidente la paradossale situazione nella quale sono finiti. Gli oltre 100 indagati, lo ricordiamo, sono stati raggiunti ad un avviso di garanzia emesso dalla Procura della Repubblica di Imperia per lottizzazione abusiva. Nel corso delle scorse settimane l’autorità giudiziaria ha posto sotto sequestro preventivo oltre 80 villette. Solo negli ultimi giorni c’è stato qualche spiraglio per una possibile risoluzione della situazione.

“Da parte mia – ha dichiarato ad ImperiaPost l’assessore regionale Gabriele Cascino – e da parte degli uffici regionali abbiamo dato la massima disponibilità. Stiamo lavorando con il Comune di Dolcedo per arrivare alle soluzioni tecniche amministrative per dare legittimità ai titoli edilizi. Questa è una vicenda che voglio risolvere prima della fine del mio mandato”.

Dopo l’incontro la portavoce del comitato Anna Ghiglione ha commentato: “Abbiamo illustrato la nostra situazione che loro conoscono benissimo visto che anche la regiona è coinvolta per i piani di riqualificazione paesistica. Ci hanno ribadito il loro pieno appoggio nel senso che faranno tutto quello che sarà possibile per fare questa riqualificazione ovviamente nella piena legalità ed è questo che noi chiediamo. Abbiamo chiesto un accelerazione dei tempi anche se i tempi tempi tecnici e di legge sono quelli. L’ufficio tecnico si sta occupando della situazione e questo per noi è già una discreta assicurazione comunque in questo momento abbiamo un filo diretto con loro in particolare con l’assessore Cascino. Il nostro primo traguardo deve essere il riconoscimento di questi piani di riqualifica ambientale”.

 

 
 
 
FR_vetrine_3