Cultura e manifestazioni, Home — 24 dicembre 2013 alle 11:50

IL PRESEPE DI OLIVASTRI E IL PESCIOLINO DI GESU’ BAMBINO: la tradizionale raffigurazione della Natività nell’antico forno del paese

Olivastri è un piccolo paese della Valle Impero, così piccolo che non è neppure indicato in molte carte stradali, ma grazie al suo piccolo presepe è ugualmente conosciuto e visitato da numerosissime persone. Il luogo, da anni, è sempre lo stesso: il vecchio forno del paese. Sotto le sue volte annerite dalla fuliggine, in un caleidoscopio di luci e con […]

di Selena Marvaldi

presepe1

Olivastri è un piccolo paese della Valle Impero, così piccolo che non è neppure indicato in molte carte stradali, ma grazie al suo piccolo presepe è ugualmente conosciuto e visitato da numerosissime persone. Il luogo, da anni, è sempre lo stesso: il vecchio forno del paese. Sotto le sue volte annerite dalla fuliggine, in un caleidoscopio di luci e con un gioco di suoni e colori, nella magia dell Santo Natale, prendono vita tante piccole statuine, molte anche animate.

Il muschio, i muretti a secco, il frantoio a sangue, tutto ciò che rievocava il passato del luogo, e che era l’ambientazione degli anni scorsi, ha lasciato il posto al deserto, quello della terra di Palestina con le sue case imbiancate. Sotto palme e boschetti di cipressi nuovi personaggi, molti in movimento, vestiti con abiti del tempo rivivono in un piccolo mondo dall’ aspetto orientaleggiante. Pastori con i loro greggi, portatori d’acqua, antichi mestieri, gente umile, rendono omaggio al Bambinello e anche un pesciolino, a modo suo, ringrazia Gesù Bambino.