Attualità, Home — 29 febbraio 2016 alle 15:34

IMPERIA. VENTI DECRETI DI ESPULSIONE DAL TERRITORIO EMESSI DALLA QUESTURA NELL’ULTIMA SETTIMANA /ECCO PERCHÈ

Su impulso del Questore della Provincia di Imperia, continua incessante l’azione di contrasto al crimine diffuso e all’immigrazione clandestina su tutto il territorio provinciale.

di Redazione

questura (1)

Su impulso del Questore della Provincia di Imperia, continua incessante l’azione di contrasto al crimine diffuso e all’immigrazione clandestina su tutto il territorio provinciale.

Nell’ultima settimana 6 cittadini extracomunitari sono stati muniti di ordine di allontanamento del Questore di Imperia, altri 11 analoghi provvedimenti ai sensi dell’art. 21 D. Lg.vo 30/2007 sono stati presi nei confronti di altrettanti cittadini comunitari provenienti dalla Romania, 2 albanesi sono stati scarcerati ed assoggettati all’espulsione giudiziaria e una cittadina ucraina è stata accompagnata al C.I.E. di Roma Ponte Galeria.

I decreti di espulsione con ordine di allontanamento sono stati presi a carico di :

1. R.M. tunisino di trentuno anni, resosi responsabile negli ultimi anni di svariati reati: violenza sessuale, spaccio di sostanze stupefacenti, porto di armi, violenza e minaccia a pubblico ufficiale e per aver violato la normativa sugli stranieri;
2. H.A., tunisino trentenne, responsabile per inosservanza norme sugli stranieri, porto di armi, rapina, minaccia e ricettazione;
3. A.R., bosniaca di trentacinque anni, denunciata per inosservanza norme sugli stranieri, furto in abitazione, numerosi furti, spaccio di stupefacenti e invasione di terreni;
4. K.R., bengalese di ventitre anni, segnalato per violazione della normativa sugli stranieri;
5. H.A.J., trentunenne algerino, segnalato per violazione della normativa sugli stranieri, danneggiamento, rapina, resistenza a pubblico ufficiale, furto e violazione di domicilio;
6. S.E., cittadino russo di trentanove anni, con precedenti per inosservanza norme sugli stranieri, rapina e lesioni.

Gli undici cittadini comunitari romeni, tra cui due donne, sono stati tutti denunciati per invasione di terreni poiché si erano accampati sul greto del fiume Roya a Ventimiglia. Alcuni di loro avevano anche precedenti per lesioni, furto, molestie e impiego di minori nell’accattonaggio.

I cittadini albanesi A.M. e Q.A., entrambi di trentadue anni, sono stati scarcerati dal Carcere di Sanremo ed assoggettati alla misura dell’espulsione giudiziaria, il primo come misura di sicurezza ed il secondo come misura alternativa alla detenzione; i due sono stati rimpatriati dalla Frontiera aerea di Genova. Una donna ucraina, L.L., di cinquantatre anni, segnalata per furto aggravato, è stata accompagnata al C.I.E di Ponte Galeria.