Home, Imperia — 10 gennaio 2014 alle 07:30

SEQUESTRATI 4 CAMION ALLA TRA.DE.CO. SRL PER IRREGOLARITÀ NEI PAGAMENTI DEI LEASING – RUSSO (M5S): “Sindaco in conflitto di interessi, che la Polizia Municipale effettui i controlli dovuti”

Irregolarità nei pagamenti del leasing, ritirati i libretti di circolazione a quattro mezzi della Tra.De.Co. Quando gli operai in forza alla ditta pugliese si sono recati al centro collaudi della motorizzazione imperiese per far revisionare i mezzi da lavoro non immaginavano che avrebbero corso il rischio di tornare a casa a piedi. Una volta passati i controlli tecnici (uno dei mezzi […]

di Gabriele Piccardo

Capannone Capacci TRADECO (5)Irregolarità nei pagamenti del leasing, ritirati i libretti di circolazione a quattro mezzi della Tra.De.Co. Quando gli operai in forza alla ditta pugliese si sono recati al centro collaudi della motorizzazione imperiese per far revisionare i mezzi da lavoro non immaginavano che avrebbero corso il rischio di tornare a casa a piedi. Una volta passati i controlli tecnici (uno dei mezzi non ha passato neppure quelli,ndr), infatti, i problemi sarebbero nati sulla regolarità del possesso dei mezzi da parte della società di Altamura.

I mezzi sono risultati essere di proprietà di un’altra società (la Geotec) nella quale, la Tra.De.Co. sr, è subentrata nel pagamento del canone leasing qualche mese. fa ma che poi, dopo un controllo amministrativo, è risultato non esser stato più stato corrisposto. Da qui la decisione di ritirare i libretti dei mezzi in attesa che la Tra.De.Co. presenti le pezze giustificative che comprovino la legittimità del possesso dei mezzi.

Secondo il capogruppo del Movimento 5 Stelle in consiglio comunale, Antonio Russo, alla base del caso dei tagliandi delle assicurazioni scadute ci sarebbe appunto il mancato pagamento delle rate de leasing.

“La notizia del sequestro dei mezzi della Tra.De.Co. – tuona il grillino Russo – non è altro che la conferma di ciò che sosteniamo ormai da mesi ma che l’amministrazione non vuole ascoltare. La società versa in una grave condizione economica e non sta rispettando il capitolato d’appalto. Il sindaco si deve impegnare in prima persona per controllare che il capitolato venga rispettato e che i fornitori, compreso suo padre, vengano pagati. Voglio sapere se almeno al padre del sindaco viene corrisposto il canone di affitto. Si tratta di una situazione di pieno conflitto di interessi nella quale il sindaco ne esce male comunque stiano le cose perché: se viene pagato l’affitto per il capannone del padre potrebbe darsi che il sindaco non dica nulla per convenienza e se invece il canone non venisse pagato allora “Capacci jr” potrebbe essere accusato di muoversi per un interesse familiare. Inoltre chiedo che anche la Polizia Municipale si adoperi affinché vengano effettuati i controlli ai mezzi della società, proprio come fanno con i mezzi dei privati cittadini”.