Home, Imperia — 10 gennaio 2014 alle 15:30

CASA DELLA CARITÀ. ANZIANA INVALIDA ESPULSA. PROLUNGATA DI 10 GIORNI LA PERMANENZA – L’assessore Risso: “Abbiamo risolto la situazione dopo esserci confrontati sulle problematiche del caso”

Il caso dell‘anziana signora invalida “sbattuta fuori” dalla Casa della Carità ha fatto in poche ore il giro del web e, questa mattina, la donna ha chiesto un incontro con l’assessore Fabrizio Risso per trovare una soluzione ai suoi problemi. “Ho ricevuto questa mattina la signora per confrontarci sulle problematiche del caso – spiega l’assessore Risso – e abbiamo trovato […]

di Selena Marvaldi

image

Il caso dell‘anziana signora invalida “sbattuta fuori” dalla Casa della Carità ha fatto in poche ore il giro del web e, questa mattina, la donna ha chiesto un incontro con l’assessore Fabrizio Risso per trovare una soluzione ai suoi problemi.

Ho ricevuto questa mattina la signora per confrontarci sulle problematiche del caso – spiega l’assessore Risso – e abbiamo trovato una soluzione insieme. Per altri 10 giorni la donna potrà rimanere a dormire nella struttura della Casa della Carità, il tempo necessario per poter poi andare a casa della figlia. Il Comune ha uffici attrezzati con professionalità competenti che possono e devono risolvere certi problemi con i mezzi che ci sono ancora a disposizione“.

Soddsifatta anche la figlia dell’anziana, Silvia Stegani che ieri aveva denunciato l’accaduto con un post sulla bacheca del Presidente del Consiglio Paolo Strescino in cui diceva: “Anziana di 76 anni invalida con 4 protesi viene sbattuta fuori dalla casa della carità (caritas) insieme ad altre due persone perchè il Comune dice di non aver soldi, ma questo Capacci i cambiamenti dove li ha fatti se non in peggio? ora questa donna che percepisce 450 euro circa di pensione,dove deve andare?!

Sono soddisfatta – dichiara la signora Stegani - certo, il pernottamento per questi 10 giorni lo paghiamo noi a 12 euro a notte, ma almeno abbiamo risolto il problema. Credo solamente si potesse arrivare prima a questa soluzione senza scatenare questa bufera mediatica, ma va bene così”.