Home, Imperia — 31 maggio 2016 alle 16:01

IMPERIA. CASE PARCHEGGIO VIA AIRENTI. IL COMUNE REVOCA GLI SFRATTI. CAPACCI:”L’AVEVO PROMESSO E L’HO FATTO. POTREMMO VENDERE LO STABILE A…”/IL CASO

. Il caso degli inquilini “morosi” era diventato nazionale con l’ingresso nello stabile fatiscente delle telecamere del programma televisivo “Dalla Vostra Parte” di Rete 4.

di Gabriele Piccardo

13334357_10208032863153323_643346767_o

Il comune di Imperia ha revocato la determina dirigenziale con la quale si disponeva nella giornata di oggi, martedì 31 maggio, lo sfratto esecutivo per numerose famiglie residenti nelle “Case Parcheggio” di via Airenti a Porto Maurizio. Il caso degli inquilini “morosi” era diventato nazionale con l’ingresso nello stabile fatiscente delle telecamere del programma televisivo “Dalla Vostra Parte” di Rete 4. In extremis il comune ha deciso di revocare gli sfratti per due motivi:

- la mancanza attuale di rispondenza dell’atto medesimo alle esigenze pubbliche, dedotte discrezionalmente dall’Esecutivo in base ad una nuova valutazione degli elementi che furono alla base dell’atto da revocare;

- l’esistenza di un interesse pubblico, concreto ed attuale alla caducazione dell’atto in questione. 

“Verrà avviato, – scrive il dirigente ai Servizi Sociali Sonia Grassi – nell’arco temporale stabilito dall’Esecutivo per l’avvio dello studio di fattibilità di che trattasi( del passaggio di proprietà, ndr) , comunque, un costante monitoraggio della loro situazione debitoria, al fine di consegnare una fotografia aggiornata della gestione delle morosità all’interlocutore istituzionale che questa Amministrazione dovrà individuare nell’ambito dello studio in argomento”.

Dunque non sussiste più un interesse pubblico nello sfrattare quelle famiglie che hanno chiamato in causa il sindaco Capacci. “Ho promesso a quelle famiglie che mi sarei occupato della loro situazione – ha detto il sindaco Capacci - e l’ho fatto. Al momento è stata revocato il provvedimento di sfratto anche perché stiamo pensando di vendere lo stabile all’Arte (Agenzia Regionale territoriale per l’edilizia). Nel frattempo sarà comunque effettuato un monitoraggio della situazione”.