Cultura e manifestazioni, Home — 19 gennaio 2014 alle 08:54

“INVITO A CENA CON DELITTO”, UN SUCCESSO LA PRIMA EDIZIONE ALL’HOTEL CORALLO – Ottanta persone presenti, buona cucina e tanto divertimento

All’improvviso uno sparo nel buio, un cadavere in sala e il terrore dei commensali. Chi è la vittima? Quale il movente? Che volto ha l’assassino? All’hotel Corallo di Imperia 80 persone hanno partecipato alla prima edizione di Invito a Cena con delitto. Nella splendida cornice dell’hotel imperiese e con la involontaria collaborazione di un clima tragico e di un calendario […]

di Redazione

image

All’improvviso uno sparo nel buio, un cadavere in sala e il terrore dei commensali. Chi è la vittima? Quale il movente? Che volto ha l’assassino?

All’hotel Corallo di Imperia 80 persone hanno partecipato alla prima edizione di Invito a Cena con delitto.

Nella splendida cornice dell’hotel imperiese e con la involontaria collaborazione di un clima tragico e di un calendario compiacente (venerdì 17) lo chef Simone Rossi ha dato sfoggio di grande bravura deliziando i presenti con proposte davvero interessanti, mentre la compagnia teatrale guidata da Riccardo Pellegrini (nei panni del commissario Tourbillon) coinvolgeva il pubblico con un’intrigata storia noir. La bravura di Pellegrini ha permesso una vera interazione tra commensali e scena del crimine, divertendo e impegnando il pubblico nella soluzione del mistero.

Ottimamente organizzata da Barbara Cibelli, la serata ha ottenuto un altissimo indice di gradimento e verrà certo riproposta. Divertito anche il Sindaco Capacci, presente alla serata nonostante la notte insonne e le terribili ore dell’emergenza alluvione.

Barbara Cibelli ha voluto precisare: “Ringrazio il pubblico, per la calorosa partecipazione. La riuscita di eventi come questo è frutto di un lavoro di squadra. Devo quindi ringraziare non solo lo staff, l’Hotel Corallo che ci ha ospitato e la compagnia teatrale. Ma anche amici cari come Stefano Sivieri e Silvana Zingarelli. Senza il loro prezioso aiuto, non sarebbe stata la stessa cosa”.