Cultura e manifestazioni, Home — 22 gennaio 2014 alle 07:45

IL REGISTA IMPERIESE SIMONE GANDOLFO FIRMA LA DOCU-FICTION “PERICOLO VERTICALE” DI SKY – Tra i protagonisti Luca Argentero

Pericolo Verticale è una serie televisiva in onda su Sky Uno HD dal 22 gennaio 2014 che racconta il lavoro dell’ elisoccorso valdostano. A questo programma, che partirà appunto questa sera, hanno partecipato accanto a nomi di spicco come quello di Luca Argentero, anche diversi imperiesi come Simone Gandolfo, il regista della serie, Giovanni Nebbia… Come si legge sulla pagina […]

di Selena Marvaldi
999145_10202957160078312_1120923483_nPericolo Verticale è una serie televisiva in onda su Sky Uno HD dal 22 gennaio 2014 che racconta il lavoro dell’ elisoccorso valdostano. A questo programma, che partirà appunto questa sera, hanno partecipato accanto a nomi di spicco come quello di Luca Argentero, anche diversi imperiesi come Simone Gandolfo, il regista della serie, Giovanni Nebbia…
Come si legge sulla pagina Facebook del programma, la montagna è azione pura, aria di vetro e salvataggi estremi. In que­sto terreno si muovono gli uomini e le donne del Soccorso Alpino del­la Valle d’Aosta: guide alpine, medici, verricellisti e piloti di elicotteri addestrati a intervenire in situazioni limite. Situazioni in cui anche una piccola distrazione può essere fatale. La spettacolarità degli interventi di soccorso in alta montagna e l’estrema prossimità con il pericolo sono un palcoscenico perfetto per raccontare storie vere.

I protagonisti dunque non sono eroi da fumetto: sono uomini e donne con mogli, mariti e figli a casa che li aspettano. Uomini e donne addestrati a mettere da parte le debolezze e le paure personali per salvare vite di persone che nemmeno conoscono.
Luca Argentero accompagnerà il racconto delle sei puntate; sarà un vero e proprio compagno di viaggio che attraversa il rombante silenzio dei 4000 metri per scoprire il salvataggio in tutte le fasi.

Pericolo verticale nasce da un’idea di simone Gandolfo – spiega Luca Argenteroregista della serie che, un paio di anni fa mi propose di usare la montagna come scenario per una serialità che parlasse degli operatori del soccorso alpino. C’è un motivo per cui la montagna non viene usata spesso come scenario: è un ambiente irragiungibile e portare le macchine da presa a 3000 metri di quota era improponibile un tempo. Ora anche la montagna è un po’ più raggiungibile, ma forse era prematuro sperimentarci su una grande fiction così abbiamo fatto virare il progetto su una docu-fiction per capire realmente la vita di chi fa questo mestiere“.

Abbiamo ripreso circa 160 interventiracconta Simone Gandolfoquindi tutto quello che viene raccontato è accaduto realmente. La squadra ripresa era veramente operativa, la difficoltà tecnica era dunque la rapidità di tutto. Se interviene l’elisoccorso significa che il caso è gravo. La squadra deve essere operativa in 3 minuti“.

https://www.facebook.com/PericoloVerticale