Cultura e manifestazioni, Home — 25 gennaio 2014 alle 10:36

TEATRI DELLA VISCOSA PRESENTA “NO T’AVEVO DETTO” – Lo spettacolo di riflessione sull’alta velocità, domenica 26 al C.S.A. La Talpa e L’Orologio

Il C.S.A. La Talpa e l’Orologio organizza, per Domenica 26 Gennaio ore 21, una rappresentazione teatrale dal titolo “NO T’AVevo detto” della compagnia Teatri della Viscosa. “NO T’AVevo detto è un percorso di informazione e riflessione rispetto al tema dei treni ad alta velocità in Italia e sul sistema delle grandi opere che viene messo in atto per la ripartizione […]

di Selena Marvaldi

Senza titolo-1

Il C.S.A. La Talpa e l’Orologio organizza, per Domenica 26 Gennaio ore 21, una rappresentazione teatrale dal titolo “NO T’AVevo detto” della compagnia Teatri della Viscosa.

NO T’AVevo detto è un percorso di informazione e riflessione rispetto al tema dei treni ad alta velocità in Italia e sul sistema delle grandi opere che viene messo in atto per la ripartizione dei capitali in poche mani, nonchè una riflessione su come l’informazione venga manipolata dai politici e dalla maggioranza dei mezzi di comunicazione ufficiali.

Uno spettacolo quindi, che vuole informare e incuriosire, ma anche far emergere che la costruzione del nostro futuro passa attraverso le nostre scelte e sia l’espressione inequivocabile del nostro pensiero.  E nella nostra città l’inutilità di questa grande opera emerge in maniera chiara se si guarda allo scempio del raddoppio della ferrovia che non finirà mai o alla recentissima tragedia sfiorata con il treno in bilico sul mare ad Andora.

Drammatica sintesi tra cementificazione selvaggia e abbandono degli investimenti sui servizi essenziali. Essere “No Tav” non è solo la necessità di fermare un traforo inutile. E’ una questione di  dignità, onestà e libertà. Il tutto sarà rappresentato attraverso la storia di Maria, che crede che l’alta velocità farà bene al suo paese, farà bene all’economia, migliorerà il trasporto delle persone e delle merci. Maria comincia il suo percorso attraversando l’Italia dell’Alta Velocità, un percorso di coscienza e conoscenza, che disvelerà ai suoi occhi l’inquientante realtà celata dietro la costruzione di una grande opera. NO TAVevo detto nasce con l’incontro artistico tra Laura Pece, Stefano Greco e Francesca Bertozzi“.