Home, Politica — 27 gennaio 2014 alle 08:00

FESTIVAL DI SANREMO 2014. ESCLUSIONE DELLA COOPERATIVA COSEVA PER I SERVIZI DI FACCHINAGGIO: il caso, grazie alle Senatrici Albano e Puppato (PD) arriva in Commissione Vigilanza RAI

Il caso dell’esclusione della cooperativa Coseva dalla gara per i servizi di facchinaggio in occasione del Festival di Sanremo arriva in Commissione di Vigilanza RAI grazie a un’interrogazione a firma delle Senatrici Donatella Albano e Laura Puppato del Partito Democratico. “Vorrei capire anch’io insieme i rappresentanti e i lavoratori, come mai il presunto conflitto d’interessi derivante dal fatto che la […]

di Selena Marvaldi
Donatella Albano
Il caso dell’esclusione della cooperativa Coseva dalla gara per i servizi di facchinaggio in occasione del Festival di Sanremo arriva in Commissione di Vigilanza RAI grazie a un’interrogazione a firma delle Senatrici Donatella Albano e Laura Puppato del Partito Democratico.
Vorrei capire anch’io insieme i rappresentanti e i lavoratori, come mai il presunto conflitto d’interessi derivante dal fatto che la cooperativa in questione lavora già con l’Ariston spa per altri eventi, non sia mai stato rilevato in passato“, spiega la Sen. Albano, “la Coseva di Camporosso (IM) prestava la sua opera per i servizi di facchinaggio da 10 anni e aveva manifestato interesse presso la RAI per partecipare alla gara anche per l’edizione del Festival di quest’anno. Con quali criteri la RAI determina quindi l’esistenza di un conflitto di interessi? E soprattutto quali giudizi applica per assegnare questa gara? La Coseva aveva tutti i documenti in regola eppure si è vista sfumare un contratto che avrebbe portato lavoro per 3 mesi a ben 50 persone del Ponente. Vorrei vederci più chiaro e non dire solo “mi dispiace” a questi 50 lavoratori“.
Si tratta di posti di lavoro che avrebbero permesso a moltissime famiglie di tirare un respiro di sollievo per un breve periodo dell’anno per questo la questione mi sta molto a cuore. I 50 posti saltati quest’anno non possono essere considerati ne una questione marginale ne, forse, delle vittime collaterali del rinnovo della convenzione tra la città di Sanremo e la RAI. Per questo ringrazio tutti coloro che si sono spesi per sollevare questo problema, rinnovando ancora una volta la mia disponibilità a portare queste questioni nelle sedi competenti” conclude la Sen. Albano.