Attualità, Home — 1 febbraio 2014 alle 16:43

FORUM TPL. COMITATO UTENTI TRENITALIA SU STOP FERROVIA: “VOGLIAMO VEDERE INIZIARE I LAVORI!” – L’intervento di Sebastiano Lopes

Nel corso del Forum sul trasporto pubblico locale in programma questa mattina presso la sala consiliare del Comune di Diano Marina, è intervenuto anche Sebastiano Lopes, rappresentante del Comitato Utenti Trenitalia. “Dal 2007 per il ponente ligure è stato un lento e inesorabile declino, nel senso che sono stati tagliati gli intercity, la stazione di Taggia è fomentata una specie […]

di Mattia Mangraviti

image

Nel corso del Forum sul trasporto pubblico locale in programma questa mattina presso la sala consiliare del Comune di Diano Marina, è intervenuto anche Sebastiano Lopes, rappresentante del Comitato Utenti Trenitalia.

Dal 2007 per il ponente ligure è stato un lento e inesorabile declino, nel senso che sono stati tagliati gli intercity, la stazione di Taggia è fomentata una specie di cattedrale nel deserto, nel senso che un utente di Taggia che deve prendere il treno per Roma deve venire a Imperia Porto Maurizio perché Taggia non è una fermata prevista per gli Intercity. Noi dal 2007 ci battiamo come leoni, con le nostre forze, come Comitato Utenti Trenitalia, per rappresentare tutti i cittadini di questo territorio che si devono spostare per varie ragioni dal ponente, ragioni di lavori, ragioni professionali, ragioni di studio, ma anche ragioni di cure mediche. Noi stiamo cercando, facendo rete con altri comitati pendolari, con Assolutenti, stiamo cercando soluzioni, perché qua c’è un solo problema, il binario che non è stato raddoppiato, nonostante abbiamo raccolta di interviste e di dichiarazioni solenni. Noi non vogliamo fare la cosa corporativa dei pendolari. Siamo cittadini preoccupati. La provincia di Imperia è descritta come una provincia tagliata fuori dal mondo e allora un turista bergamasco che vuole venire qui non ci viene, perché non ha informazione corrette e non sa dell’esistenza del pullman. Noi vogliamo vedere i lavori che iniziano e contestualmente dobbiamo pretendere che i lavori del raddoppio della ferrovia possano avere esecuzione. Facciamo una provocazione, non possono iniziare per problemi con le società private? Esiste il genio ferrovieri, si faccia uso del genio ferrovieri. Non è possibile che un’impresa del genere diventi la metafora dell’illazione, molto peggio della Salerno-Reggio Calabria.
Abbiamo calcolato che un treno regionale in Liguria, nella tratta Genova-Sanremo è competitivo con un ciclista della Milano-Sanremo. Il tempo di percorrenza ha una media oraria paragonabile a quella di un ciclista
. Suggerirei, proviamo a fare una gara. Durante la Milano-Sanremo facciamo partire un treno da Genova, vediamo chi arriva per primo. Io scommetterei sul ciclista. Noi siamo tagliati fuori anche dal punto di vista dei regionali veloci”.