Home, Imperia — 8 novembre 2016 alle 12:07

DA IMPERIA A SANTIAGO IN BICICLETTA. RICCARDO GHIGLIAZZA, 900 KM DI AVVENTURE:”È STATA UNA SFIDA CON ME STESSO”/LA STORIA

Dopo aver girato Imperia alla scoperta delle sue bellezze, dall’entroterra al mare, esclusivamente in bicicletta, Riccardo Ghigliazza, consigliere comunale, capogruppo di Imperia di Tutti Imperia per Tutti, ha deciso di partire per un viaggio ancora più impegnativo.

di Redazione

santiago_bicicletta

Dopo aver girato Imperia alla scoperta delle sue bellezze, dall’entroterra al mare, esclusivamente in bicicletta, Riccardo Ghigliazza, consigliere comunale, capogruppo di Imperia di Tutti Imperia per Tutti, ha deciso di partire per un viaggio ancora più impegnativo. Ha percorso, pedalando, la via Francese del cammino verso Santiago di Compostela, partendo da Saint-Jean-Pied-de-Port, e ha documentato le sue esperienze pubblicando su Facebook le suggestive foto scattate durante il viaggio.

Tornato a Imperia ieri, Riccardo ha raccontato a ImperiaPost com’è andata la sua avventura.

È stato un bellissimo viaggio. A volte si fanno dei progetti e poi non vanno come pensavi, mentre per fortuna non ho avuto grossi imprevisti. L’idea è nata nel febbraio scorso, quando ho rispolverato la bicicletta per esplorare Imperia. In me si era risvegliato lo spirito avventuriero e, dopo aver lavorato per tutta la stagione estiva, facendo anche tre lavori, ho deciso di fare il cammino che già da tempo avevo in mente. Non sono un ciclista professionista, è stata più una sfida con me stesso. Sono tornato proprio ieri, dopo 42 giorni di viaggio.

Ho percorso in bicicletta un totale di circa 900 km. Sono partito in treno da Ventimiglia per raggiungere Saint-Jean-Pied-de-Port e da lì ho iniziato a pedalare, percorrendo la via del cammino di chi va a piedi, non pensata per le biciclette, quindi questo ha aggiunto difficoltà all’impresa. È andata però molto bene. 

Durante il percorso ho avuto la possibilità di conoscere moltissima gente, ad ogni tappa c’erano persone nuove. Ci si fermava negli ostelli municipali, dove ci si poteva lavare, cucinare e riposare con una piccolissima spesa. Ho condiviso molto del viaggio con un ragazzo di Pescara, anche lui in bici. 

Quando sono arrivato a Santiago - continua Riccardo - ho proseguito fino a Finisterre, uno dei punti più occidentali della Spagna, oltre il quale c’è solo l’America. Dopodichè sono tornato indietro e, per non farmi mancare nulla, ho lasciato la bici a Villafranca per rifare un pezzo del cammino con ragazzi spagnoli e ungheresi, questa volta a piedi. 

Il cammino era terminato, ma visto che non ero mai stato a Barcellona, ho poi deciso di caricare la bicicletta su un autobus, per raggiungere la città e visitarla. Una volta lì, mi è venuta l’idea di tornare a Imperia pedalando, e così ho fatto. 

Ho già diversi progetti. Prima di tutto mi piacerebbe andare in Cile, per percorrere in bicicletta i 2300 km della Patagonia cilena e argentina. Dopodiché, mi piacerebbe pedalare per la via Francigena da Canterbury a Roma, per altri 1600 km.

Per la prossima estate -conclude - sarei felice di continuare a girare nei dintorni della nostra città, in compagnia di chi volesse scoprire le bellezze del territorio.

A cura di Gaia Ammirati

 
 
 
Primula nera live Bar 11