Cultura e manifestazioni, Home — 5 febbraio 2014 alle 17:39

SAN BARTOLOMEO. A TEA CON L’AUTORE LA PRESENTAZIONE DELLA RIVISTA “A LECCA” – Giovedì 6 febbraio alle 16.30 presso la Biblioteca “Alfea Possavino in Delucis”

Secondo appuntamento con il “Tea con l’Autore” 2014, domani pomeriggio, giovedì 6 febbraio, alle ore 16.30, alla Biblioteca “Alfea Possavino in Delucis” di San Bartolomeo al Mare. Dopo la “performance” del brillante Giuseppe Conte, che due settimane fa ha presentato il libro “Il male veniva dal mare” (Longanesi), domani saranno di scena le tradizioni locali, con la presentazione della rivista […]

di Redazione

image

Secondo appuntamento con il “Tea con l’Autore” 2014, domani pomeriggio, giovedì 6 febbraio, alle ore 16.30, alla Biblioteca “Alfea Possavino in Delucis” di San Bartolomeo al Mare.
Dopo la “performance” del brillante Giuseppe Conte, che due settimane fa ha presentato il libro “Il male veniva dal mare” (Longanesi), domani saranno di scena le tradizioni locali, con la presentazione della rivista culturale “A Lecca” (Grafiche Amadeo), frutto della convenzione tra otto Comuni della Valle Impero (Aurigo, Borgomaro, Caravonica, Cesio, Chiusanico, Chiusavecchia, Lucinasco e Pontedassio), che contiene testimonianze delle tradizioni di ognuno degli otto comuni.

Abbiamo pensato – dicono i responsabili dell’Associazione “A Lecca” – ad una pubblicazione da creare con l’ausilio delle energie volontarie del territorio, di soggetti desiderosi di raccontare la nostra vallata, mettendo in risalto caratteristiche peculiari che rischiano di essere dimenticate. Noi che abbiamo vissuto un piccolo scampolo della civiltà dell’olivo, l’abbiamo voluto testimoniare mettendo per iscritto tradizioni che i giovani non conoscono, cosicché possano scoprirle e conservarle. Nella rivista sono trattati argomenti vari. Il nostro auspicio è che questa iniziativa editoriale possa proseguire, con una pubblicazione all’anno. Il titolo, “lecca”, si riferisce allo strumento utilizzato per la separazione dell’olio dall’acqua di lavorazione quando ancora non esistevano le centrifughe. ‘Lecca’, in dialetto, è anche un desiderio abbastanza corposo“.

 
 
 
FR_vetrine_3