Attualità, Home — 10 gennaio 2017 alle 19:29

PISTA CICLABILE, I TEMPI SI ALLUNGANO. IL GOVERNO ESCLUDE IL COMUNE DI IMPERIA DALLA PRIMA TRANCHE DI FINANZIAMENTI/I DETTAGLI

Per il progetto di riqualificazione del sedime ferroviario, abbandonato dopo l’entrata in funzione della nuova linea, dunque,
sarà necessario attendere ancora. E i tempi, vista la burocrazia italiana, rischiano di essere tutt’altro che brevi

di Gabriele Piccardo

schermata-2017-01-10-alle-17-51-18

Il Comune di Imperia non fa parte dei 24 Comuni che, in base alla graduatoria stilata dal Nucleo per la valutazione dei progetti per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie, potranno usufruire immediatamente dei fondi messi a disposizione dal Governo che, come annunciato nei mesi scorsi dall’ex Premier Matteo Renzi, ha finanziato tutti e 21 i progetti presentati per un totale di 2,1 miliardi di euro. Un finanziamento certificato dalla Gazzetta Ufficiale, sulla quale è stato pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Per il progetto di riqualificazione del sedime ferroviario, abbandonato dopo l’entrata in funzione della nuova linea, dunque, sarà necessario attendere ancora. E i tempi, vista la burocrazia italiana, rischiano di essere tutt’altro che brevi.

Nel dettaglio, il Comune di Imperia risulta al 43° posto, con un finanziamento pari a 18 milioni di euro. Come si legge sul decreto, però, “i progetti dal numero 1 al numero 24 sono finanziati con le risorse di cui all’art. 1, comma 978, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, gli ulteriori progetti saranno finanziati con le risorse che saranno successivamente disponibili”.

Per Imperia, dunque, ci sarà da aspettare. Il progetto prevede una pista ciclabile che attraverserà tutto il litorale e permetterà di scoprire Imperia, entrando in città attraverso diversi punti di accesso, al Prino, alla Fondura, alla stazione di Porto Maurizio, davanti al Comune, a Borgo San Moro e alla stazione di Oneglia.

 

 

 

 

 
 
 
deskimperiapost