Cultura e manifestazioni, Home — 13 febbraio 2014 alle 10:01

TEATRO LO SPAZIO VUOTO – RECITAL DI PIANOFORTE DI GIOVANNI DORIA MIGLIETTA: sabato 15 febbraio una serata all’insegna della musica

Dopo i primi tre spettacoli teatrali che hanno aperto la stagione a Lo Spazio di Vuoto di Imperia, sabato 15 febbraio alle 21,15 la prima serata musicale con il récital di pianoforte di Giovanni Doria Miglietta. Pianista imperiese, ha studiato con Lidia Baldecchi Arcuri ed Enrico Pace. Vincitore di concorsi internazionali sia in Europa sia oltre oceano, ha tenuto concerti […]

di Selena Marvaldi

4 Giovanni Doria M. 15 febbraio 2

Dopo i primi tre spettacoli teatrali che hanno aperto la stagione a Lo Spazio di Vuoto di Imperia, sabato 15 febbraio alle 21,15 la prima serata musicale con il récital di pianoforte di Giovanni Doria Miglietta.

Pianista imperiese, ha studiato con Lidia Baldecchi Arcuri ed Enrico Pace. Vincitore di concorsi internazionali sia in Europa sia oltre oceano, ha tenuto concerti per prestigiosi festival fra cui: MITO Settembre Musica, Società dei Concerti di Milano in “Sala Verdi”, Ibiza Piano Festival, Altdorf Spring Festival (Svizzera), Stadhalle di Tuttlingen (Germania). Da solista ha suonato con orchestre come l’Orchestra da Camera “Milano Classica”, Orchestra Filarmonica di Torino, Orchestra Filarmonica di Montecarlo, Canberra Symphony Orchestra.

Il recital è incentrato sulla figura del grande pianista virtuoso americano Earl Wild che è stato anche compositore e trascrittore. Fu grande interprete di Liszt, Rachmaninov e Gershwin; recentemente scomparso, nel 2015 si celebrerà il centesimo anniversario dalla sua nascita.

Il programma comprende due brani di Liszt e Ravel, figure molto care al compositore, e per il resto alcune tra le più famose trascrizioni di Wild stesso, partendo da autori del Barocco come Bach e Marcello, fino ad arrivare ad autori del Novecento come Gershwin e Fauré.

Il concerto sarà preceduto alle 18.00, a ingresso libero, da un incontro di guida all’ascolto con il musicista a cura di Valentina Oliveri.