Politica — 10 settembre 2013 alle 16:29

OGGI IN COMMISSIONE IL NUOVO PUD – Stabilimenti balneari aperti anche in inverno. Ecco chi ha presentato domanda

Il nuovo Pud (Piano di utilizzo delle aree demaniali) sarà sottoposto questo pomeriggio all’attenzione della Commissione paesaggistica, per poi passare al vaglio, nei prossimi giorni, del consiglio comunale. La novità principale, in sintonia con le linee guida dettate dalla Regione Liguria, riguarda la possibilità, per gli stabilimenti balneari, di restare aperti anche durante la stagione invernale. L’attività dovrà però dovrà […]

di Gabriele Piccardo

Tra gli stabilimenti balneari che hanno presentato domanda per rimanere aperti anche durante la stagione invernale c'è anche Il Moletto

Tra gli stabilimenti balneari che hanno presentato domanda per rimanere aperti anche durante la stagione invernale c’è anche Il Moletto

Il nuovo Pud (Piano di utilizzo delle aree demaniali) sarà sottoposto questo pomeriggio all’attenzione della Commissione paesaggistica, per poi passare al vaglio, nei prossimi giorni, del consiglio comunale. La novità principale, in sintonia con le linee guida dettate dalla Regione Liguria, riguarda la possibilità, per gli stabilimenti balneari, di restare aperti anche durante la stagione invernale. L’attività dovrà però dovrà seguire determinate disposizioni, innanzitutto per quanto concerne gli orari e i giorni di apertura. Gli stabilimenti, infatti, dovranno restare aperti “almeno quattro giorni alla settimana, con obbligo di apertura nei giorni festivi e prefestivi garantendo un orario minimo giornaliero dalle 10 alle 16. Potranno inoltre rimanere chiusi esclusivamente nel periodo al di fuori della stagione balneare, per ferie e lavori di manutenzione e/o ristrutturazioni per un massimo di 60 giorni all’anno”.
Sino ad oggi sono pervenute, presso la Regione Liguria, 7 domande da altrettanti stabilimenti balneari per rimanere aperti durante la stagione invernale. A fare domanda Bagni Oneglio, Scala Azzurra, Moletto, Spinnaker, Il Pennello, Oblati e Tapas. Potrebbe aggiungersi nei prossimi giorni anche l’Afrik. Oltre all’elioterapia obbligatoria, gli stabilimenti potranno fornire ai clienti tutti i servizi tradizionali, ristorazione compresa. Per quanto concerne, infine, gli intrattenimenti musicali, non sono di competenza del Pud.