Home, Politica — 17 febbraio 2014 alle 13:34

CASO TRADECO – L’ATTACCO DI FOSSATI ALL’AMMINISTRAZIONE: “Sono seriamente preoccupato per la totale inadeguatezza di questa Amministrazione a fronteggiare una situazione potenzialmente esplosiva”.

“Leggo le dichiarazioni del Sindaco e dell’Assessore Podestà ai lavoratori TRADECO, che questa mattina hanno giustamente manifestato sotto il Comune per lamentare il mancato pagamento degli stipendi e ne sono, al contempo, amareggiato e indignato. A scrivere è il capogruppo di Imperia Riparte Giuseppe Fossati che prosegue: “Amareggiato ed indignato perché evidentemente Sindaco ed Assessore pensano che i cittadini ed i […]

di Gabriele Piccardo
Giuseppe Fossati

Giuseppe Fossati

“Leggo le dichiarazioni del Sindaco e dell’Assessore Podestà ai lavoratori TRADECO, che questa mattina hanno giustamente manifestato sotto il Comune per lamentare il mancato pagamento degli stipendi e ne sono, al contempo, amareggiato e indignato.

A scrivere è il capogruppo di Imperia Riparte Giuseppe Fossati che prosegue: “Amareggiato ed indignato perché evidentemente Sindaco ed Assessore pensano che i cittadini ed i Consiglieri Comunali siano senza memoria, ciechi, sordi e, auspicabilmente, anche muti.

E’ infatti di lunedì scorso il Consiglio Comunale monotematico, richiesto dalla minoranza per smuovere l’immobilismo ed l’incredibile sudditanza del Comune verso la TRADECO, nel quale sia il Sindaco che l’Assessore hanno difeso a spada tratta la TRADECO, tessendo le lodi di un servizio che, invece, tutti possono vedere assolutamente deficitario e non conforme al capitolato d’appalto, per il quale i cittadini pagano un tributo (la famigerata Tares) molto gravoso.

L’ho detto in quella sede, e lo ripeto: con la disastrosa gestione dell’appalto da parte dell’Amministrazione Capacci, i cittadini di Imperia sino ad oggi hanno ricevuto un servizio peggiore di prima, che hanno pagato € 800.000,00 all’anno in più.

E’ un dato di fatto e sfido chiunque a smentirmi.

Oggi si scopre che le inadempienze della TRADECO sono dovute anche al fatto che lo stesso Comune di Imperia non ha pagato TRADECO, in quanto tale società non ha il DURC (documento unico di regolarità contributiva) in regola.

Circostanza assolutamente sottaciuta, sia in Commissione, sia in Consiglio Comunale, dove Sindaco ed Assessore hanno invece ribadito che, secondo loro, tutto è a posto, tutto va bene, l’opposizione è composta da visionari in malafede.

Un fatto gravissimo.

In altri termini si è sottaciuto che la TRADECO non è in regola con il pagamento dei contributi previdenziali, quindi non è in grado di fornire la relativa attestazione, quindi, non può ricevere pagamenti dagli enti pubblici, quindi non è in grado di pagare i lavoratori.

Come se ciò non bastasse, oggi l’Assessore Podestà ha dichiarato ai lavoratori che “ci sono ancora troppe ombre nell’attuazione dell’appalto che vanno chiarite”.

Sostanzialmente quello che hanno detto i Consiglieri di minoranza in Consiglio Comunale e che lui ha ostinatamente negato.

Come consigliere comunale, sono amareggiato ed indignato.

Come cittadino, sono seriamente preoccupato per la totale inadeguatezza di questa Amministrazione a fronteggiare una situazione potenzialmente esplosiva, sia dal punto di vista sociale, per le 150 famiglie dei lavoratori coinvolte, sia amministrativo, per il rischio di vedere la città con i rifiuti per strada”.