Home, Imperia — 23 marzo 2017 alle 16:26

RACCOLTA RIFIUTI. IN CONSIGLIO COMUNALE IL SINDACO CAPACCI BACCHETTA GLI IMPERIESI:”LA CITTÀ ORA È PIÙ PULITA, MA…”/IL CASO

Ieri sera durante il Consiglio Comunale, il Sindaco di Imperia Carlo Capacci ha ripercorso le tappe del settore rifiuti in città

di Redazione

cassonetti_capacci

Ieri sera durante il Consiglio Comunale, il Sindaco di Imperia Carlo Capacci ha ripercorso le tappe del settore rifiuti in città, nel corso della discussione sull’approvazione del piano economico finanziario degli stessi.

“Durante le elezioni del 2013 nessun candidato sindaco ad Imperia pensava di trovarsi a gestire una emergenza rifiuti, ritenendo che le amministrazioni precedenti avessero fatto un buon lavoro. Allo stesso modo, nessuno aveva in mente di realizzare un sistema porta a porta, considerando l’esistenza di un contratto pari a 7 anni di durata.

Questa amministrazione si è invece trovata in piena emergenza, dove episodi come cassonetti stracolmi, rifiuti per strada e dipendenti senza stipendio erano situazioni all’ordine del giorno. Il Comune di Imperia si è quindi sostituito all’appaltatore, quando era suo dovere farlo, e i lavoratori hanno sempre percepito il loro stipendio, secondo le modalità e i tempi di contratto.

Quando la situazione è diventata insostenibile, l’amministrazione ha dovuto rescindere il contratto, trovando una soluzione in emergenza, con l’ordinanza sindacale. A seguito di una selezione è stato dunque redatto un capitolato d’appalto a cui è seguita una selezione fra le 3 aziende che hanno risposto. Nello stesso momento, tutta la documentazione è stata inviata alla Procura della Repubblica, nell’ambito della trasparenza in cui questa amministrazione ha deciso di operare.

La città è più pulita, ma è importante che i cittadini siano i primi a conferire in maniera corretta i rifiuti, differenziandoli. Su questo argomento sta lavorando il gruppo di lavoro Rifiuti Zero, che si presterà ad effettuare una attività informativa. E’ importante infatti che si comprenda come, per arrivare al porta a porta, i cittadini possano apprendere la differenziazione nel modo corretto. Ricordo che il Comune di Imperia è stato fra i primi il Liguria ad approvare il protocollo Rifiuti Zero.

Nei prossimi giorni la giunta darà l’indirizzo al dirigente su come affidare il servizio ad una società pubblica. Verrà dunque effettuato un confronto tecnico economico in base al quale si valuterà l’economicità della soluzione in house rispetto a quella in appalto. Per questa procedura è necessario del tempo e in questo tempo continuerò a fare ordinanze”.

 
 
 
POPUPOKLANT