Attualità, Cronaca, Home, Politica — 17 settembre 2013 alle 10:49

CASO CAPANNONE TRA.DE.CO. – Bonifazio attacca il Sindaco Capacci: “Dove sono le licenze?”. La Provincia: “Nessun documento depositato”

Rischia di tornare agli onori della cronaca il caso del capannone affittato alla Tra.De.Co. Spa, la ditta incaricata della gestione della raccolta rifiuti nei comuni del comprensorio imperiese , da Ciro Capacci, padre del sindaco di Imperia Carlo Capacci. Il Comitato Barcheto, infatti, per bocca del portavoce Giovanni Bonifazio, vuole vederci chiaro in merito al rilascio delle necessarie licenze e […]

di Gabriele Piccardo

Capannone Capacci TRADECO (3)Rischia di tornare agli onori della cronaca il caso del capannone affittato alla Tra.De.Co. Spa, la ditta incaricata della gestione della raccolta rifiuti nei comuni del comprensorio imperiese , da Ciro Capacci, padre del sindaco di Imperia Carlo Capacci.

Il Comitato Barcheto, infatti, per bocca del portavoce Giovanni Bonifazio, vuole vederci chiaro in merito al rilascio delle necessarie licenze e nei giorni scorsi ha presentato richiesta scritta alla Provincia e al Comune di Imperia.

L’ente comunale non ha ancora prodotto una risposta ufficiale, mentre la Provincia ha specificato che “Presso l’ufficio scrivente non è depositato alcun documento relativo alla pratica in oggetto né la società è in possesso di alcuna autorizzazione ambientale”.

“Fanno quadrato intorno al Sindaco – tuona Bonifazio - Vogliamo trasparenza. Vogliamo prendere visione di tutte le autorizzazioni. Mi risulta che tutta la spazzatura del comprensorio imperiese venga trasportata in località Trexenda, da dove, previo trasferimento da mezzi piccoli a mezzi grossi, viene depositata in discarica. I mezzi, inoltre, pare facciano rifornimento di carburante attraverso un’autobotte, pratica assolutamente non a norma. Se non otterremo risposte concrete dal Comune ci rivolgeremo al Ministero competente”.

Mattia Mangraviti