Attualità, Home — 20 aprile 2017 alle 15:16

IMPERIA. AL VIA IL PROCESSO PER ABUSO D’UFFICIO AL DIRIGENTE DEL COMUNE DI IMPERIA ILVO CALZIA. SFILANO I TESTIMONI/L’UDIENZA

Ha preso il via questa mattina a Imperia davanti al giudice Laura Russo il processo che vede
sul banco degli imputati il dirigente del settore Patrimonio del Comune di Imperia Ilvo Calzia

di Redazione

collage_ilvlevele

Ha preso il via questa mattina a Imperia davanti al collegio composto dai giudici Aschero, Russo e Lungaro, il processo che vede sul banco degli imputati il dirigente del settore Patrimonio del Comune di Imperia Ilvo Calzia, difeso dagli avvocati Roberto e e Paolo Frank, accusato di abuso d’ufficio e di omessa denuncia da parte del pubblico ufficiale, nell’ambito di un’inchiesta sulle realizzazione del complesso residenziale Le Vele sul Lungomare Amerigo Vespucci. 

Nell’udienza odierna sono sfilati l’ispettore capo della Polizia Postale Ivan Bracco, i funzionari del settore Urbanistica del Comune di Imperia, Fausto Mela, e Floriana Raimondo, e il dirigente del settore Demanio Pierre Marie Lunghi.

Nel dettaglio a Calzia, al tempo dei fatti dirigente del settore Urbanistica del Comune (poi sospeso, e successivamente reintegrato, per via dell’inchiesta sul porto turistico, sfociata nel processo di Torino che si è concluso con l’assoluzione di tutti gli imputati, compreso il Calzia, accusato di abuso d’ufficio), viene contestata la firma sull’autorizzazione alla realizzazione del complesso senza il via libera dell’ufficio delle Dogane e della Capitaneria.

Autorizzazione che, secondo gli inquirenti, sarebbe stata necessaria (doveva essere richiesta dal dirigente al soggetto privato) nel rispetto delle normative che impongono, per le costruzioni sul litorale, una distanza superiore ai 30 metri, così come previsto dall’art. 55 del Codice della Navigazione (l‘esecuzione di nuove opere entro una zona di trenta metri dal demanio marittimo o dal ciglio dei terreni elevati sul mare è sottoposta all’ autorizzazione del capo del compartimento).

Nel corso dell’udienza, è emerso che il via libera di Dogana e Capitaneria in effetti non è mai formalmente arrivato, ma al contempo che non solo Calzia, ma neanche il Comitato Tecnico della Provincia (composto dai principali enti), incaricato di verificare la legittimità del progetto, aveva rilevato alcuna problematica nel rilascio dell’autorizzazione.

E’ emerso, inoltre, che la distanza dal mare, ad oggi, è molto superiore ai 30 metri, ma non per le carte demaniali, mai aggiornate. La linea del demanio marittimo, dunque, è solo ipoteticamente a una distanza inferiore ai 30 metri, ma il ciglio dei terreni elevati, cui fa riferimento l’art. 55, è invece ampiamente oltre i 30 metri, circa 150, tanto che la Capitaneria di Porto non sollevò alcuna contestazione per l’adiacente piano particolareggiato presentato dal gruppo Colussi.

Era dunque realmente necessario il via libera di Dogana (per garantire regolare sorveglianza contrabbando) e Capitaneria di Porto (per garantire sicurezza navigazione) per concedere l’autorizzazione alla realizzazione complesso residenziale Le Vele?

Su questo punto si basa l’intero processo che, nella prossime udienza, vedrà sfilare altri tecnici, alcune dei quali della Provincia.