Attualità, Cronaca, Golfo Dianese, Home, Politica — 17 settembre 2013 alle 13:56

“L’AMMINISTRAZIONE FACCIA UN PASSO INDIETRO”: le dure critiche del Partito di Rifondazione Comunista dianese all’amministrazione Chiappori

“Se fossimo a carnevale si potrebbe pensare ad uno scherzo ben riuscito. Dovremmo invece far sapere ai questi “amministratori”, tra l’altro pure “professionisti”, che il carnevale non dura tutto l’anno. Le continue figuracce che fanno fare alla cittadinanza con atti e prese di posizione che hanno ormai fatto il giro di tutta la nazione, dipingono i dianesi come un insieme […]

di Gabriele Piccardo

ljk.,m

“Se fossimo a carnevale si potrebbe pensare ad uno scherzo ben riuscito. Dovremmo invece far sapere ai questi “amministratori”, tra l’altro pure “professionisti”, che il carnevale non dura tutto l’anno.

Le continue figuracce che fanno fare alla cittadinanza con atti e prese di posizione che hanno ormai fatto il giro di tutta la nazione, dipingono i dianesi come un insieme di cittadini usi allo sproloquio, alle offese gratuite, al tentativo di evasione di tasse comunali ed, infine, allo “sputtanamento” dell’intera collettività.

Sarebbe bene che, giunti a questo punto, ci fosse un serio ripensamento del modus operandi di questa amministrazione: siamo convinti che un po’ di serietà non farebbe male.

Certo che se l’esempio dato dal primo cittadino con i soliloqui nella sala cinematografica, dove l’unica cosa certa sono le promesse, promesse, promesse (ma alla fine ci saranno solo parole, parole parole), non c’è da stupirsi se rimangono ai dianesi le sole pagine dei giornali che illustrano le uniche cose fatte: sproloquio, insulto, dileggio degli amministrati.

Un nuovo gioco d’azzardo è ora in voga a Diano Marina: si scommette su chi sarà il prossimo amministratore di maggioranza ad effettuare un ulteriore autogoal.

Chiediamo quindi con serenità, ma con la dovuta serietà, che questi eletti compiano un atto responsabile, un passo indietro. Crediamo che le dimissioni dell’intera compagine siano una cosa dovuta, assieme ad una dichiarazione di pubbliche scuse ai cittadini per tutte le brutte figure cui hanno sottoposto il nome di Diano Marina sia a livello locale che a livello nazionale. Sarebbe ora che si facesse un bilancio di tutte le promesse fatte e di quanto concretamente portato a termine.

I problemi rimangono, e non c’è bisogno di inventarsi scoop giornalistici per cercare di far dimenticare ai dianesi quanto non è stato fatto!

Partito della Rifondazione Comunista

Direttivo del Circolo Dianese