Attualità, Home — 1 marzo 2014 alle 12:23

NUOVE TENDENZE- AUMENTO DEL 67% ACQUISTI DEGLI ITALIANI NEI MERCATI DEGLI AGRICOLTORI.

I prodotti più acquistati sono la verdura, la frutta, i formaggi, i salumi, il vino, il latte, il pane, le conserve di frutta, la frutta secca, i biscotti e i legumi, ma non manca l’interesse per i prodotti non alimentari.

di Redazione

images-3

In un questo periodo di crisi economica Coldiretti pubblica dati in controtendenza.
Aumentano del 67% gli acquisti degli italiani nei mercati degli agricoltori, i cosiddetti farmers market, in netta controtendenza con l’andamento negativo dei consumi alimentari, in calo del 4% nel 2013 a causa della crisi.
Nei mercati degli agricoltori – la Coldiretti – hanno fatto la spesa nel 2013 ben 15 milioni di italiani con un aumento del 25% in un solo anno ma ad aumentare notevolmente è stato anche il valore medio degli acquisti“.
La vendita diretta dai produttori agricoli è dunque l’unica forma di distribuzione commerciale in crescita sostenuta nel tempo della crisi, con un fatturato complessivo stimato in 1,5 miliardi di euro nel 2013.
Sono oltre 1200 mercati in tutte le regioni grazie alla fondazione Campagna Amica promossa dalla Coldiretti che ha realizzato la più vasta e capillare rete di vendita realizzata dagli agricoltori del mondo che può contare su fattorie, botteghe e mercati che coinvolgono 28mila agricoltori con prodotti coltivati su circa 280mila ettari, in aumento del 40% nel 2013.
Nei mercati degli agricoltori di Campagna Amica – spiega la Coldiretti – si trovano prodotti locali del territorio, messi in vendita direttamente dall’agricoltore nel rispetto di precise regole comportamentali e di un codice etico ambientale, sotto la verifica di un sistema di controllo di un ente terzo“.
I mercati degli agricoltori -si legge nella nota pubblicata da Coldiretti- promuovono la conoscenza della stagionalità dei prodotti, ma anche la filosofia del km zero, con i cibi in vendita che non devono percorrere lunghe distanze, riducendo le emissioni in atmosfera dovute alla combustione di benzina e gasolio“.
Gli effetti, dice la Coldiretti, “si fanno sentire anche sugli sprechi che vengono ridotti per la maggiore freschezza della frutta e verdura in vendita che dura anche una settimana in più, non dovendo rimanere per tanto tempo in viaggio. Oltre a ciò, svolgono una importante azione di recupero di varietà a rischio di estinzione“. “Si stima che – rileva la Coldiretti – almeno 100 varietà vegetali definite minori, tra frutta, verdura, legumi, erbe selvatiche e prodotti ottenuti da almeno 30 diverse razze di bovini, maiali, pecore e capre allevati su scala ridotta trovino sbocco nell’attuale rete di mercati e delle botteghe degli agricoltori”.
I prodotti più acquistati nei mercati degli agricoltori sono la verdura, la frutta, i formaggi, i salumi, il vino, il latte, il pane, le conserve di frutta, la frutta secca, i biscotti e i legumi, ma non manca l’interesse per i prodotti non alimentari come ad esempio gli agricosmetici.
“I nostri mercati degli agricoltori stanno creando nuove economie e nuova occupazione rappresentando nel contempo un formidabile strumento di coesione sociale, animazione sociale ed educazione alimentare, perché ricreano un legame profondo tra consumatore e produttore, tra il luogo di consumo e il luogo di produzione, tra città e campagna“dichiara il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo. “
Oltre all’ottimo rapporto prezzo-qualità il segreto del successo
-spiega Moncalvo- sta nella sincera volontà di un numero crescente di cittadini di aiutare con i propri atti di acquisto il lavoro e l’economia nazionale e di comportarsi in modo sostenibile per la società e l’ambiente“.

 
 
 
bric