Attualità, Home — 4 marzo 2014 alle 11:49

RIAPRE LA FERROVIA, IMPERIAPOST IN VIAGGIO CON I PENDOLARI – SECONDA PARTE / VIDEO E FOTO

Una ventina di minuti, non di più. Ecco quanto è durato il viaggio da Imperia Porto Maurizio a Andora. Un viaggio tranquillo, con un solo rallentamento nei pressi della frana che ha travolto il treno Intercity 660 il 17 gennaio scorso.

di Mattia Mangraviti

treno partenza andora

Una ventina di minuti, non di più. Ecco quanto è durato il viaggio da Imperia Porto Maurizio a Andora. Un viaggio tranquillo, con un solo rallentamento nei pressi della frana che ha travolto il treno Intercity 660 il 17 gennaio scorso. In stazione, ad Andora, Flavio Scheggi, dell’ufficio stampa di Trenitalia, fa sapere: “Abbiamo rispettato il programma. La linea è stata riaperta prima dei tempi previsti, con i complimenti del Ministro Lupi.

Ritardi? Alcuni treni hanno avuto dei ritardi per problemi non legati alla frana di Andora. C’è solo il rallentamento previsto nella tratta interessata dalla frana.

Il mancato aggiornamento del sito di Trenitalia? Gli orari sono in corso di aggiornamento, il sistema è abbastanza complesso e ci vuole un po’ che si torni all’orario ordinario.

stazione3 stazione4

I monitor non aggiornati? La tecnologia richiede tempo. Tutti i sistemi saranno riaggiornati. Alla fine del mese la situazione tornerà alla normalità”.

Anche ad Andora, in realtà, i pendolari incontrano non poche difficoltà a consultare gli orari dei treni per raggiungere le destinazioni. La biglietteria è chiusa e tutti gli orari consultabili in stazione, sia cartacei che online, sono errati.

stazione2

Forze dell’ordine e addetti della Ferrovie dello Stato informano gli utenti dei ritardi, delle cancellazioni, degli eventuali cambi di treno. Per avere informazioni dettagliate è necessaria una telefonata alla sede centrale di Savona.

stazione1 stazione

Il nostro treno è alle 10.36. Un uomo telefona. “Sono rimasto bloccato ad Andora, hanno spostato l’orario dei treni“. Il treno è in ritardo di 10 minuti. Siamo stati più fortunati rispetto all’andata, quando il treno era ritardo di 50 minuti. Anche al ritorno il viaggio è filato via senza complicazioni. In venti minuti siamo a Imperia Oneglia.