Home, Imperia, Pallanuoto, Sport — 11 ottobre 2017 alle 07:40

IMPERIA. LA RARI NANTES NEL MIRINO DELLA CORTE DEI CONTI, UN ESPOSTO INGUAIA LA SOCIETÀ GIALLOROSSA/ECCO TUTTE LE ACCUSE

È ora in corso un’indagine da parte della Corte dei Conti, finalizzata a verificare la presenza di eventuali irregolarità finanziario-amministrative nella gestione della piscina Biancheri di Bordighera da parte della Rari Nantes Imperia

di Redazione

22429147_10212566770858182_1441869027_o

Un’altra tegola per la Rari Nantes Imperia. Dopo la notizia della rinuncia da parte della Rari Nantes Imperia alla Serie A femminile e alla Serie B maschile di pallanuoto, l’assessore allo Sport Simone Vassallo ha convocato una commissione di vigilanza per fare chiarezza sulla situazione economica e finanziaria della società.

Parallelamente, è ora in corso un’indagine da parte della Corte dei Conti, finalizzata a verificare la presenza di eventuali irregolarità finanziario-amministrative nella gestione della piscina Biancheri di Bordighera da parte della Rari Nantes Imperia, che ha avuto in gestione la piscina dal 2005 al 2011. 

L’inchiesta ha preso il via da un esposto alla Corte dei Conti presentato dalla Bordighera Nuoto, società concorrente, che ha gestito l’impianto comunale dal 2003 al 2005.

“Abbiamo presentato l’esposto alla Corte dei Conti – affermano dalla Bordighera Nuoto - richiamandoci ai numerosi esposti alla Procura che abbiamo fatto negli anni precedenti, mai andati avanti. Noi abbiamo gestito l’impianto comunale dal 2003 al 2005, dopodiché è stato indetto un bando, vinto dalla Rari Nantes. 

Il bando ci è sembrato palesemente costruito per favorire la Rari Nantes e lì c’è stato il nostro primo espostocontinuano – Nei 6 anni a seguire abbiamo riscontrato diverse irregolarità. A partire dall’occupazione di più corsie di quelle stabilite, danneggiando le altre società come la nostra, fino ad arrivare all’assegnazione illegittima di un contributo da parte del Comune. Nel 2011, nonostante il nuovo bando favorisse nuovamente la Rari Nantes, siamo riusciti ad aggiudicarci la gestione unendoci alla Sportmanagement di Verona“.

Tra le principali contestazioni mosse alla Rari Nantes c’è la costituzione, subito dopo l’aggiudicazione dell’appalto della piscina Biancheri di Bordighera, della società Club Bordighera Nuoto e Pallanuoto, in quanto considerata una diretta emanazione del sodalizio giallorosso. Scorrendo i nomi del consiglio direttivo compaiono il Presidente Leone Francesca, era la nipote del Sig. Todiere Silvio, allora Presidente della Rari Nantes Imperia, il medico sociale Todiere Antonio, il fratello dello stesso Todiere Silvio, il tecnico Todiere Maria Eugenia, figlia di Todiere”.

ECCO L’ESPOSTO ALLA CORTE DEI CONTI:

Ill.mo Procuratore, con il presente esposto-denuncia si intende sottoporre all’attenzione della Procura Regionale della Corte dei Conti i fatti di seguito riportati, allo scopo di consentire la verifica dell‘eventuale sussistenza di responsabilità connesse alla violazione di disposizione di legge che disciplinano la corretta gestione delle risorse pubbliche, oltre che in violazione alla L.R. n.40/2009.

1. Con determinazione n.88/SA del 06/05/2005 il Comune di Bordighera procedeva all’aggiudicazione definitiva per la gestione dell’impianto sportivo ” E.Biancheri” di proprietà comunale alla Società sportiva A.S.D. RARI NANTES IMPERIA 57, per la cui gestione il Comune corrispondeva un corrispettivo annuo di E.150.000,00 oltre IVA, e per contro il gestore versava come canone al Comune la somma di E.27.500,00 oltre IVA. Alla procedura di gara di cui sopra partecipava anche la Società Sportiva BORDIGHERA NUOTO, di cui ai tempi ero Segretaria-Tesoriera, la quale, successivamente all’aggiudicazione, presentava in data 19 maggio 2005, esposto presso la Procura di Sanremo. Durante tutta la gestione dell’impianto sportivo di Bordighera la Rari nantes Imperia 57 ha espletato anche attività di corsi di nuoto a pagamento.

Il capitolato d’appalto redatto dal Comune prevedeva che al gestore venissero riservate n.4 corsie in vasca grande e in più la vasca piccola di ambientamento. Mentre le associazioni del posto avevano a disposizione le altre 4 corsie in vasca grande in base ad un monte ore assegnato dal Comune stesso per un canone di concessione pari a 26 euro ora/corsia. Nel settembre del 2005 viene costitutita una nuova associazione la Club Bordighera Nuoto e Pallanuoto, società riconducibile e costola della Rari Nantes Imperia 57, basta leggere i nominativi del Consiglio Direttivo, il Presidente Leone Francesca, era la nipote del Sig. Todiere Silvio, allora Presidente della Rari Nantes Imperia, il medico sociale Todiere Antonio, il fratello dello stesso Todiere Silvio, il tecnico Todiere Maria Eugenia, figlia di Todiere.

Si allegano le affiliazioni della Club Bordighera Nuoto e Pallanuoto degli anni 2007/2008 ( allegato “B”) e 2008/2009 ( allegato “C”) e si chiede di porre molta attenzione alle firme poste in calce, come si potrà notare le firme del Vice Presidente e del Presidente sia nella prima che nella seconda affiliazione, pur essendo sempre le stesse persone, non corrispondono. La costituzione della Club Bordighera Nuoto e Pallanuoto di questa Associazione, ribadisco costola della Rari Nantes Imperia 57, ha creato un danno elevato alla Bordighera Nuoto, dal momento che 2 delle 4 corsie messe a disposizione delle Associazioni del posto, venivano a Lei concesse e cosi facendo in realtà la Rari Nantes Imperia 57 aveva ben 6 corsie a disposizione, per le quali, peraltro, non siamo certi corrispondessero il dovuto canone di C26,00 ora/corsia. A causa di tutto ciò la Bordighera Nuoto dal 2005 al 2011 non ha più potuto svolgere l’attività sportiva a livello agonistico, ma si é dovuta limitare ad una semplice attività di propaganda, dovendo altresì limitare fortemente il numero degli iscritti. Anche in merito alla questione gestione degli spazi acqua, la Bordighera Nuoto ha inoltrato ricorso straordinario al Presidente della Repubblica il 29 dicembre 2006, di cui allego copia ( allegato “H”) e nel quale troverete sicuramente tutti gli elementi e i dati per le vostre valutazioni.

2. Ennesimo esposto alla procura di Procura di Sanremo viene inoltrato a gennaio 2009, in merito al rinnovo della gestione per ulteriori anni tre agli stessi patti e condizioni concesso sempre alla RARI NANTES IMPERIA 57, con deliberazione n.101 del 22/05/2008, nel quale contestavano l‘illeggittimità dell’atto e per il quale era stata seguita una procedura molto anomala. Si allega copia esposto ( allegato “E”) e delibere.

3. Si vuole inoltre segnalare, quello che parrebbe un danno erariale, e cioè, l’approvazione della deliberazione n. 256 del 29/12/2008 ( allegato “G”), con la quale si concedevano i contributi ad associazioni sportive cittadine per l’anno 2008, in base al consuntivo dell’attività svolta nell’anno 2007. Infatti con l’atto sopra indicato il Comune stabiliva di concedere alla Club Bordighera Nuoto e Pallanuoto un contributo di €.3.300,00 per l’attività svolta nel 2007/2008. Il problema è che quell’ Associazione nel 2007/2008 non era affiliata, anzi gli atleti erano tutti tesserati con la Bordighera Nuoto e quindi non aveva svolto nessuna attività e questo è comprovato dal modulo di affiliazione 2007/2008, che si allega, il quale era stato predisposto in data 23/05/2008, quando ormai l’anno sportivo era al termine. Si allega altresì la lettera di addebito dell’importo di €. 3.300,00 ( allegato “F”) che comprova l’effettiva erogazione illegittima del contributo alla Club Bordighera Nuoto e Pallanuoto.

4. Nel 2011 scaduta anche la proroga ( poco chiara) alla RARI NANTES IMPERIA 57, il Comune di Bordighera, bandisce una nuova gara d’appalto, fatta nel medesimo modo di quella precedente e cioè palesemente a favore della Rari Nantes Imeria 57 e se possibile, con criteri e condizioni di utilizzo ( vedi schema di convenzione e regolamento d’uso) ulteriormente peggiorative e a danno delle Associazioni di Bordighera. ( Si allega convenzione di gestione e regolamento d’uso con evidenziati i punti peggiorativi).
A tal proposito la Bordighera Nuoto scrive una lettera al Comune di Bordighera prot. 13351 del 13/07/2011, alla quale il Comune da riscontro con la nota prot. 14448 del 28/07/2011 ( Allegato “L”).

A questo punto la Bordighera Nuoto, al fine di non soccombere e dover chiudere l’attività per le condizioni previste dal Capitolato d’appalto, costituisce ATI con la Sportmanagement di Verona, fornendo quei requisiti ad essa mancanti ( quali la territorialità, gli anni di anzianità,ecc.), si aggiudica la gestione dell’impianto di Bordighera e la Rari Nantes Imperia 57 classificatasi al 2° posto, inoltra ricorso al TAR, il quale è stato respinto.

5. Si segnala infine che anche nei confronti del Comune di Sanremo, in merito alla gara d’appalto della piscina di Sanremo è stato depositato un esposto denuncia, di cui vi alleghiamo bozza di quanto depositato ( allegato “I”); convenzione d’appalto ( allegato “M”), dove a mio modesto parere vi sono delle condizioni discutibili: come ad esempio all’art.12 letto. Si consideri inoltre, che come canone concessorio annuo, il concessionario ha offerto E 25.333,00 ( il base di gara era E.20.000,00), in condiderazione del fatto che il valore dell’appalto è stato stimato in E 3.553.000,00 per i 7 anni di gestione. Si allegano i verbali delle sedute di gara.

Alla luce dei fatti sopra esposti, si richiede un accertamento sull’eventuale sussistenza di violazioni ai disposti di legge in materia di risorse pubbliche.