Cultura e manifestazioni, Home — 11 ottobre 2017 alle 15:28

IMPERIA. “IO NON RISCHIO”. SABATO 14 OTTOBRE TORNA AL PARCO URBANO LA CAMPAGNA NAZIONALE PER LE BUONE PRATICHE DI PROTEZIONE CIVILE/IL PROGRAMMA

Torna anche in Liguria “Io non rischio”, la campagna del Dipartimento nazionale di Protezione civile per diffondere la cultura della prevenzione

di Redazione

iononrischiopturbano_14

Torna anche in Liguria “Io non rischio”, la campagna del Dipartimento nazionale di Protezione civile per diffondere la cultura della prevenzione. Sabato 14 ottobre le piazze di Genova, Savona, Imperia e La Spezia saranno animate da centinaia di volontari con punti informativi per diffondere la conoscenza dei comportamenti più idonei da adottare in caso di emergenza e sensibilizzare i cittadini sul rischio sismico, alluvionale e sul maremoto.

“Sapere cosa fare in un momento di emergenza – spiega l’assessore regionale alla Protezione Civile Giacomo Giampedronesignifica salvare vite umane: per questo la diffusione di una cultura di protezione civile bei cittadini è fondamentale, soprattutto in una regione come la Liguria, che, bellissima ma molto fragile soprattutto dal punto di vista idrogeologico, ha già pagato un prezzo molto alto anche a causa di comportamenti sbagliati.

L’emanazione di una allerta meteo – aggiunge – non vuol dire che si verificherà un disastro. Ma significa che ogni cittadino deve adottare una serie di comportamenti, indispensabili per non rischiare la propria vita e quella dei propri cari e mettere in salvo i propri beni. Come Regione Liguria abbiamo lavorato fin dal nostro insediamento investendo importanti risorse per traguardare l’obiettivo della mitigazione del rischio, ma – conclude – le grandi opere e una corretta manutenzione non saranno mai sufficienti a garantire la sicurezza al cento per cento”.

L’edizione 2017 di “Io non rischio” sarà un’occasione speciale, perché le piazze si arricchiranno di iniziative ed eventi: i volontari, infatti, accompagneranno la cittadinanza in un percorso legato alla conoscenza dei rischi specifici del territorio e alla memoria dei luoghi.

In particolare a Genova è previsto un trekking urbano con l’opportunità di sperimentare alcune disabilità, in concomitanza con i Giochi Giovanili Paralimpici Europei, in collaborazione con Tur.Acce.S, Solidarietà e Lavoro di Dialogo nel Buio, Istituto Chiossone, Afa, Ali, A.L.I.C.E., presso i seguenti punti: Piazza De Ferrari, via San Lorenzo, via Frate Oliverio; zona Darsena-Ponte Morosini; piazza P.E. Taviani; piazzale Kennedy; piscine di Prà.

A Imperia i volontari di protezione civile incontreranno i cittadini per parlare di terremoto, maremoto e alluvione e di cosa ognuno di noi può fare per ridurne gli effetti. Parteciperà il Gruppo Comunale volontari di Imperia.

 

Per l’edizione speciale di quest’anno, oltre al punto informativo Io Non Rischio, la piazza sarà animate con le seguenti iniziative:

evento sportivo: percorso in bicicletta per adulti;
attività di intrattenimento con i bambini
(In caso di maltempo l’evento si svolgerà presso il Palazzetto dello Sport)

 

Nel parco urbano San Leonardo svolgerà una gimkana ciclistica, organizzata per i bambini delle scuole elementari cittadine grazie alla collaborazione della U.S. Caramagna e della sezione provinciale della Fci.

Alla Spezia, caccia al tesoro da Piazza del Bastione lungo Via Prione e Corso Cavour.

A Savona, in piazza delle Nazioni, incontro tra volontari e cittadinanza dalle ore 10 alle ore 18 e caccia al tesoro per famiglie e ragazzi a partire dalle ore 15.

L’edizione 2017 coinvolge volontari e volontarie appartenenti a oltre 700 realtà associative, tra sezioni locali delle organizzazioni nazionali di volontariato, gruppi comunali e associazioni locali di tutte le regioni d’Italia.

“Io non rischio” – campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico – è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. L’inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione ha visto il coinvolgimento di Ispra-Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs-Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica. Sul sito ufficiale della campagna, www.iononrischio.it, è possibile consultare i materiali informativi.

 
 
 
bric