Home, Sport — 14 novembre 2017 alle 15:27

RUGBY. LA UNION RIVIERA DI IMPERIA SI IMPONE PER 24 – 20 SUL SAVONA NEL CAMPIONATO UNDER 16 TERRITORIALE/TUTTI GLI ALTRI RISULTATI

orsari di nome e di fatto. Finalmente il duro lavoro, settimana dopo settimana, con il massimo impegno dei tecnici. Gran bella partita

di Redazione

collage_rugby_1w

Union Riviera Rugby under 16 alza la testa: vittoria a Savona e campionato riaperto

Corsari di nome e di fatto. Finalmente il duro lavoro, settimana dopo settimana, con il massimo impegno dei tecnici Flavio Perrone, Enrico Abbo e Donato Nesta, nonché la vera dimensione di franchigia provinciale vedono la luce in fondo al tunnel. Gran bella partita alla Fontanassa di Savona, a detta di tutti. Savona arrembante fin dal calcio d’inizio, uno dei momenti più problematici per la squadra dell’estremo Ponente ligure. La meta a freddo non piega le gambe del gruppo Union, che reagisce, segna, calcia una punizione, viene raggiunto, superato e, nel secondo tempo, segna la meta decisiva e tiene duro fino all’ultimo minuto.

Belle segnature di Barbotto, Vuerich e Cutrì, quest’ultimo espressione del vivaio dei Salesiani di Vallecrosia e primo centro dotato di notevole impatto fisico. Felpata e calda la tomaia dell’estremo La Rosa, sempre a segno anche da posizione difficile. In ogni caso anche una vittoria così entusiasmante suggerisce spunti di riflessione. Lo stesso tecnico Perrone, infatti, si riprometto un ampio confronto con i colleghi per una possibile redistribuzione di ruoli, ma nell’ambiente corsaro non si nasconde la soddisfazione. Sugli scudi tutti quanti, anche se in particolare Binelli o il solito Luglia hanno dato molto. Peraltro, bravi come gruppo. Adesso, addio all’ultimo posto in classifica e nuove prospettive.

UNDER 16 TERRITORIALE I FASE (IV GIORNATA/ANDATA)
CUS Genova – Amatori Genova 67/0
FTGI ReccoSpezia – Province dell’Ovest 17/12
Savona – Union Riviera 20/24

CLASSIFICA: CUS Genova punti 20, FTGI ReccoSpezia punti 18, Province dell’Ovest 10, Savona 6, Union Riviera 4, Amatori Genova 1.

Il secondo concentramento di minirugby regionale conferma Imperia Rugby under 10

Sabato 11 novembre si svolge il secondo concentramento di minirugby in quel di Recco, di fatto una delle “Università” del rugby ligure e non solo. I professori però, in questo caso, sono stati ancora una volta gli under 10 dell’Imperia Rugby. I capaci tecnici La Macchia e Gianno stanno portando avanti da par loro un lavoro pluriennale impostato da Iannone e Reitano. E, ovviamente, aggiungono la loro esperienza nel caso di Franco La Macchia e la freschezza di idee formative a livello fisico nel caso di Giampiero Gianno. I risultati si vedono. Anche se poi non ci sono classifiche stagionali e giocano sempre tutti, i risultati a livello mentale ed attitudinale sono importanti. Si è creato il gruppo e si analizzano gli errori che si possono fare, tanto nello sport come a scuola o nella vita di tutti i giorni.

A Recco gli under 10 giocano su due gironi da tre squadre con la consueta e spettacolare formula del rugby seven. In tutto tre partite per tutti. E per i bambini è già un discreto sforzo, ma da un lato si devono mettere alla prova e dall’altro non vedono l’ora di giocare. Imperia trova Spezia e Cus Genova nel girone di qualificazione: capoluoghi di provincia e regione, tradizione e bacino di reclutamento ampio. Tutto sembra andare per il verso sbagliato, ma i ragazzini non ci pensano affatto. Spezia è affondato con otto mete fatte e una sola subita. La corazzata del Cus Genova soccombe subendo cinque mete pur segnandone tre. A questo punto c’è la finale per il primo posto ed ecco i tradizionali avversari del Savona. Una franchigia che sta lavorando bene a livello giovanile, con risultati che si vedono a maggiori livelli. Prodromo della doppia sfida di domenica 12 a livello di under 16 e under 18 con la Union Riviera, massima espressione del rugby dell’estremo Ponente ligure. Quest’ultima partita fa storia a sé perché, secondo La Macchia, la squadra, forse rilassata dopo due roboanti vittorie, si perde un po’ nel gioco di squadra. I singoli pensano di prendere il sopravvento, ma nel rugby come nella vita “avanti da soli” è cosa un po’ difficile. È così che ne vien fuori un match combattuto, vinto sì, ma per una meta sola, 5 a 4. Nell’ambiente imperiese di accoglie la difficoltà come una benedizione: ecco la lezione attesa. Bisogna mantenere la concentrazione e fare gruppo. Ovviamente, si passa al punto atletico ginnico opera di Gianno, che ha comunque portato la squadra a giocare ad alto livello per tre partite. E ora, sabato prossimo, concentramento ad Imperia !!!

Imperia Rugby in campo con Cossu, Borca, Crivello; Balestra, Semeria; Marchini, Desideri, Goggi, Berton, Vianello, Marroccu, Bissaldi.

Imperia Rugby under 8: altra bella prova a Recco

Il gruppo dei più piccoli del rugby imperiese si presenta con gli under 8 sotto la guida di due allenatrici, ma anche di una sorella maggiore e di una mamma aggiunte. Si parla di Irene Ardoino e Viviana Bousquet, facenti parte a pieno titolo del gruppo di tecnici che si dedica ai più piccoli.

Gli altri tecnici, Vincenzo Zumbo e Mattia Moschetta, erano impegnati in un corso promosso dal CONI. E questo ad avvalorare la qualità dell’insegnamento ginnico e psicologico che viene fornito dall’Imperia Rugby tanto ai bambini quanto alle famiglie. La cronaca del concentramento per gli under 8 si può sintetizzare in un solo termine: impegno. Pur perdendo la prima partita con il CUS Genova 1 in modo netto (0-8), c’è stato subito un pronto riscatto. Questo perché è abbastanza abituale che bambini così piccoli abbiamo ritmi circadiani non sempre allineati con un impegno corale e mattutino.

La ripresa c’è stata, come detto, grazie alle vittorie con i Reds, piccola società imperiese dedita alle minime leve e poi sul Cus Genova 2 e ancora con il Tigullio, di fatto espressione del fertile vivaio del Recco. In tutto si sono segnate una ventina di mete in tre partite, lasciando briciole agli avversari. La finale per il 3° posto è stata infine giovata con i piccoli delle Api di Mele, realtà che da sempre suscita simpatia per l’impegno che pone proprio con i più piccoli. Nove mete segnate, una subita. Come di consueto hanno giocato tutti i bambini e si sono registrati grandi miglioramenti sotto il profilo proprio dell’impegno e della concentrazione, della capacità di orientarsi in campo, di cercare i compagni e di passare la palla, dando quindi inizio al gioco manovrato e non creando solo mediante azioni personali. Peraltro hanno segnato praticamente tutti e anche i neofiti hanno giocato la palla e approcciato il placcaggio.

Appuntamento ora a sabato prossimo dalle 14.30: concentramento di minirugby ad Imperia, campo Pino Valle. Non mancate.
Imperia Rugby in campo con Cervo, Crivelli, Desideri; Parisi, Pelle, Reitano, Cha, Olivieri, Palavs

 
 
 
deskimperiapost