Home, Politica — 18 marzo 2014 alle 12:45

TRASPORTI IN LIGURIA. PAITA E VESCO: “E’ UN PASSO AVANTI SULLA STRADA PER UN ACCORDO”

E’ un’ipotesi praticabile quella di destinare 300.000 euro derivanti dal progetto aree interne che prevede la valorizzazione delle valli del genovesato, alla mobilità secondo un esperimento pilota che coinvolgerebbe ATP, l’azienda di trasporto della Provincia di Genova

di Redazione

Burlando Paita

Imperia -  “E’ un’ipotesi praticabile quella di destinare  300.000 euro derivanti dal progetto aree interne che prevede la valorizzazione delle valli del genovesato, alla mobilità secondo un esperimento pilota che coinvolgerebbe ATP, l’azienda di trasporto della Provincia di Genova”.

E’ quanto emerso dall’incontro che si è svolto questa mattina a margine del consiglio regionale sul futuro di ATP alla presenza, tra gli altri, degli assessori regionali alle infrastrutture e ai trasporti, Raffaella Paita e Enrico Vesco, dei vertici di ATP e delle organizzazioni sindacali, oltre che dei tecnici regionali e di Filse. I finanziamenti in questione potrebbero essere destinati a nuovi investimenti per ATP e si andrebbero ad aggiungere ai 4,5 milioni di euro in arrivo dalla Provincia di Genova e garantiti in gran parte dalla vendita a Filse dell’immobile di via Assarotti di proprietà della Provincia  dove ha sede attualmente il Provveditorato agli studi, all’aumento del contributo del 25% sul contratto di servizio dei Comuni costieri di Chiavari, Lavagna, Rapallo, Sestri Levante, Santa Margherita Ligure e Recco e del 10% per i Comuni interni, piu’ un aumento derivante dagli introiti delle tariffe e ai 600.000 euro provenienti dai cinque Comuni di Chiavari, Lavagna, Rapallo, Sestri Levante, Santa Margherita, azionisti di ATP.

Ma proprio quest’ultimo è il nodo che deve essere ancora sciolto: il contributo dei cinque Comuni costieri che devono aderire all’accordo per poter chiudere la procedura di concordato in bianco aperta lo scorso ottobre in Tribunale che deve necessariamente concludersi entro il 9 aprile, data ultima di presentazione del piano di risanamento biennale da parte dell’azienda, per poter garantire la continuità dell’azienda.

Quello di questa mattina è stato un incontro molto positivo – hanno detto Paita e Vesco - anche per l’apprezzabile senso di responsabilità manifestato dalle organizzazioni sindacali e dai rappresentanti dei lavoratori. Oggi è stata costruita una buona piattaforma aziendale da cui manca purtroppo ancora l’apporto dei Comuni azionisti che hanno perplessità e timori nell’affrontare una parte rilevante del piano per consentire all’azienda di salvarsi e cioè il loro impegno per la copertura di una quota del debito pregresso”.

Oggi abbiamo fatto un passo avanti verso l’accordo, pertanto se la posizione dei sindaci fosse inamovibile – hanno detto i due assessori – questo creerebbe un problema, pregiudicando l’accordo”. Alle perplessità manifestate dagli Comuni azionisti, Vesco e Paita hanno riposto che “se siamo riusciti a dare garanzie ai  lavoratori non capiamo perché le stesse  garanzie non possano valere anche per gli azionisti di fronte ad un piano che è solido e attuabile”. Un nuovo incontro è previsto nei prossimi giorni alla presenza questa volta anche dei sindaci in questione”.

C.S.