Attualità, Home — 3 gennaio 2018 alle 16:50

LIGURIA. RIUNITI I “DIAR” PER IL PUNTO SULLA SITUAZIONE NEI PRONTO SOCCORSO. VIALE:”IL SISTEMA HA RETTO. PAZIENTI GRAVI TRATTATI NEI TEMPI PREVISTI”/TUTTI I DATI

Si è tenuta oggi presso la sede di Alisa la riunione dei DIAR – Dipartimenti Interaziendali Regionali del sistema dell’emergenza-urgenza per fare il punto sulla situazione nei Pronto soccorso

di Redazione

collage_vialps_emergenza

Si è tenuta oggi presso la sede di Alisa la riunione dei DIAR – Dipartimenti Interaziendali Regionali del sistema dell’emergenza-urgenza per fare il punto sulla situazione nei Pronto soccorso.

Alla riunione hanno partecipato, oltre all’assessore alla sanità e vicepresidente della Regione Liguria Sonia Viale e al commissario straordinario di Alisa Walter Locatelli, i direttori sanitari Stefano Ferlito (Asl 1), Michele Orlandini (Asl 4), Maria Antonietta Banchero (Asl 5), Sergio Vigna (Alisa), Giovanni La Valle (Irccs Ospedale Policlinco San Martino), Giuliano Lo Pinto (Ospedali Galliera) e Silvio Del Buono (Istituto Giannina Gaslini).

Presenti inoltre i direttori generali del Galliera Adriano Lagostena e della Asl 3 Luigi Bottaro, il responsabile per le emergenze del San Martino Angelo Grattarola e il segretario della Federazione dei medici di famiglia Andrea Stimamiglio. Per Asl 2 presente Luca Corti.

“È appropriato usare Il termine ‘emergenza’ per definire la situazione ai pronto soccorso durante le festività: abbiamo avuto un picco di accessi dovuto all’arrivo in anticipo dell’influenza in coincidenza con le polmoniti, ma il sistema ha retto e parlare di ‘catastrofe’ è completamente fuori luogo”, ha commentato Viale.

La scorsa settimana ha visto il record di ambulanze accolte negli ospedali liguri, con un aumento del 35% rispetto alla media annuale.

“Tutti i codici più gravi, rossi e gialli, sono stati affrontati nei tempi previsti dalla legge. I codici verdi, non in pericolo di vita, hanno aspettato meno di quattro ore. Per i codici bianchi, cioè chi viene all’Ospedale per mal di stomaco o mal di testa, i tempi sono stati naturalmente più alti. Abbiamo inoltre risolto il problema della permanenza in barella, con il 15% in meno al San Martino e il 26% in meno a Villa Scassi”, ha concluso Viale.

La Asl 1 ha trattato circa 300 pazienti al giorno, di cui il 20% da fuori regione. Percentuale che sale al 30% per la Asl 2, che ha anche osservato un aumento dei pazienti anziani. Notevoli gli afflussi nell’area metropolitana genovese, dove da oggi sono stati attivati altri 15 posti letto per acuti dopo che i primi 14 previsti dal piano straordinario sono stati tutti occupati. La Asl 4 ha visto un aumento del 5% degli accessi, mentre nella Asl 5, dove la situazione non è critica, sono state 1.082 le visite domiciliari della Guardia Medica nell’ultima settimana di dicembre. 

“Il sistema ha risposto in modo ordinato all’emergenza”, sottolinea il commissario di Alisa Walter Locatelli.Alcune criticità restano, ma stiamo per raggiungere l’obiettivo di un tempo d’attesa massimo in barella di 8 ore, 12 ore nel periodo notturno, e contiamo di aumentare la copertura vaccinale anti-influenzale per arrivare alla soglia nazionale del 60% nelle categorie a rischio”.

CLICCA QUI PER VEDERE I DATI

 
 
 
ITALIE_PC_1980X1080-imperiapost_new