Home, Imperia — 21 marzo 2014 alle 18:05

NUOVE GUARDIE ECO-ZOOFILE DELL’OIPA: “LA DIVERSITA’ TRA NOI E GLI ANIMALI DEVE ESSERE UN VALORE”

Questa mattina hanno giurato davanti al vice prefetto le nuove guardie eco zoofile dell’OIPA per la provincia di Imperia: Simona Osella, Simona Coppola, Angelo Tripodi, Davide Salerno

di Selena Marvaldi

giuramento gez

Imperia – Questa mattina hanno giurato davanti al vice prefetto le nuove guardie eco zoofile dell’OIPA per la provincia di Imperia: Simona Osella, Simona Coppola, Angelo Tripodi, Davide Salerno. Le nuove GEZ si aggiungono al gruppo già costituito l’anno scorso composto da Myriam Zanichelli, Gianfranco Mandara e la responsabile della sezione per la provincia di Imperia Monica Cotta

Le Guardie Eco zoofile dell’OIPA (Organizzazione Internazionale Protezioni Animali http://www.oipa.org/italia/) si occupano principalmente di maltrattamenti sugli animali.

L’iter è questo – racconta Myriam Zanichelli - Generalmente si ricevono delle segnalazioni e noi come pubblici ufficiali con funzioni di agenti di polizia amministrativa e agenti di polizia giudiziaria solo per animali d’affezione- andiamo a verificare le possibili violazioni e nel caso ce ne fossero, a verbalizzare, prescrivere e sanzionare il trasgressore”.

“Molti casi di maltrattamento  - prosegue Myriam - Sono piu’ che altro casi legati all’ignoranza dei padroni i quali per esempio tengono i cani a catene troppo corte (quindi non a norma come previsto dalla legge) o sotto il sole senza un’adeguato riparo o segregati su qualche terrazzo senza la possibilità di movimento. La nota positiva è che una volta fatta notare ai padroni l’irregolarità, molto spesso si regolarizzano, senza dover incorrere al sequestro dell’animale”.

“Nell’arco di anni  – conclude Myiriam – abbiamo notato una maggiore sensibilizzazione e rispetto per queste creature che provano emozioni, sentimenti e dolore e ci auguriamo che la diversità tra noi e gli animali diventi un valore aggiunto dai quali possiamo imparare molto e non un limite..ma siamo fiduciosi. Siamo a disposizione  di chiunque voglia segnalare maltrattamenti o irregolarità e siamo pronti a collaborare attivamente con le altre forze dell’ordine”.