Home, Imperia — 13 marzo 2018 alle 17:54

IMPERIA. PORTO, NUOVA AREA DESTINATA ALLA CANTIERISTICA. DOLLA:”NON È NELLA MIA NATURA SOTTOSTARE A RICATTI, IL CONSORZIO….”/LA LETTERA

Giancarlo Dolla, operatore della cantieristica del Porto Turistico di Imperia, interviene con una nota stampa per precisare alcuni concetti in merito alle dichiarazioni sulla nuova area destinata alla cantieristica

di Redazione

collage_dolla_13marz

Giancarlo Dollaoperatore della cantieristica del Porto Turistico di Imperia, interviene con una nota stampa per precisare alcuni concetti in merito alle dichiarazioni sulla nuova area destinata alla cantieristica.

“La parola ‘Rabbia’ che voi giornalisti usate sovente, non fa parte assolutamente del mio io, anche perchè ‘Rabbia’ oltre a indicare una malattia infausta, sta ad indicare un furore bestiale.

Ora il sottoscritto non nutre rabbia e furore bestiale nei confronti di nessuno. Forse per tanti non sarò un buon cristiano in quanto non sono uso porgere l’altra guancia. Non ho mai nascosto la mia contrarietà alla creazione del Consorzio, ma mio malgrado ho dovuto accettare.

Risultato? Spese tante, benefici zero.Ora che l’Imperia Yacht Service debba pagare la cementificazione della nuova area cantieristica, non ricevendone in cambio nemmeno un centimetro, questo mi sembra veramente troppo e non accetterò mai e poi mai questa imposizione.

Ho sempre lavorato fino al 31 dicembre del 2014,contando esclusivamente sulle mie risorse, senza ricevere nessun beneficio da nessuno e sfido chiunque a dimostrare il contrario. Pertanto sono disposto a rinunciare a tutti i benefici che il Consorzio potrebbe darmi, rientrando in possesso della mia concessione e continuare il mio lavoro come svolto per 25 anni.

Per me le questioni, le diatribe, finirebbero lì. Ognuno per la propria strada e amici come prima. Se invece è un obbligo rimanere nel consorzio qualcuno me lo deve spiegare, anche perchè si sciolgono matrimoni,società e via dicendo. Anche perchè e qui lo ripeto non è nella mia natura sotto-stare a ricatti e suprusi”.