Cultura e manifestazioni, Home — 19 marzo 2018 alle 09:58

L’IMPERIESE CHRISTIAN LAVERNIER IN GIAPPONE CON IL PROGETTO DELLA “SOÑADA”:”HO IN MANO IL FRUTTO DI ARTE E FOLLIA. E’ INCREDIBILE”

Il mese di Marzo sarà particolarmente impegnativo per il M° Christian Lavernier che in queste ore sta completando la preparazione in vista dei prossimi concerti in Giappone dove presenterà ufficialmente il progetto della “Soñada”

di Redazione

collage_sonadagiappone

Il mese di Marzo sarà particolarmente impegnativo per il M° Christian Lavernier che in queste ore sta completando la preparazione in vista dei prossimi concerti in Giappone dove presenterà ufficialmente il progetto della “Soñada”.

Dopo la presentazione dello strumento il 24 Marzo 2018 presso il Salone della chitarra di Beffroy a Parigi , il maestro imperiese partirà il giorno seguente in vista del Giappone per il lancio mondiale del progetto che per oltre un anno lo ha impegnato nella sua preparazione.

Tre opere scritte da grandi autori del panorama contemporaneo (Angelo Gilardino, Andrea Talmelli, Francesco Iannitti) saranno presentate come prime esecuzioni mondiali. Completeranno il repertorio le composizioni dello stesso Lavernier, anch’esse inedite, create appositamente per chitarra ad undici corde.

Un progetto innovativo che da oltre un anno sta rivoluzionando il repertorio contemporaneo, attraverso uno strumento dalle caratteristiche tecniche ed espressive assolutamente uniche, creato dal liutaio Carlos Gonzalez per Christian Lavernier.

La storia di questo strumento è parte del fascino che ha stregato i molti artisti che hanno voluto partecipare alla creazione di un repertorio ad hoc. Nata dall’incontro dopo un concerto di Christian Lavernier in Spagna, questa chitarra a undici corde è raccontata dal suo creatore Carlos Gonzalez come un atto creativo che ha riunito intorno a sé chi ha saputo andare oltre i canoni della musica classica. Così Lavernier con la sua ricerca compositiva ed improvvisativa, così Mimmo Peruffo patron della Aquila Corde Armoniche che ha creato le corde adatte a questo nuovo strumento. Così i compositori che le stanno dando un volto.

“Sono emozionato. Un progetto che solo un anno fa sembrava pura follia ora vede la luce in un luogo così emblematico per la chitarra. Ringrazio i tanti amici, artisti, che mi hanno sostenuto in questo percorso e hanno creduto in questo strumento, una vera opera d’arte unica al mondo. Ho in mano il frutto di tanta arte e tanta follia. E’ incredibile”Christian Lavernier

La Soñada continuerà il suo viaggio anche in Italia dove è previsto un concerto l’8 Aprile 2018 al Festival Internazionale di Alba.

 
 
 
popup