Attualità, Home — 23 marzo 2018 alle 17:52

IL REPARTO DI ANATOMIA PATOLOGICA DELL’OSPEDALE DI IMPERIA A RISCHIO CHIUSURA. ZANCHI (CISL FP):”SIAMO CONTRARI, CHIEDEREMO…”/ IL CASO

l’azienda sanitaria locale ha acquistato tre macchinari per per le Sale Operatorie di Sanremo e Imperia ed Anatomia Patologica di Sanremo” senza prevedere i macchinari per il reparto imperiese di Anatomia Patologica.

di Redazione
29390863_10213942316245957_274907263_o
Il reparto di Anatomia patologica dell’ospedale di Imperia a rischio chiusura? È quello che emerge dall’ultima riunione del  reparto di oncologia coordinato dal dott. Repetto, responsabile anche del servizio di Anatomia Patologica, dalla quale sarebbe emerso che dal prossimo mese di aprile, a causa dell’assenza per maternità di uno dei medici, lo stesso potrebbe “chiudere temporaneamente” in attesa di una riorganizzazione da parte dell’Asl 1 imperiese.
Nel corso degli anni, tra trasferimenti, pensionamenti e licenziamenti, il reparto, che svolge un’importante funzione diagnostico, è stato ridimensionato fino a mettere a rischio l’operatività dello stesso. Al vaglio della dirigenza la possibilità di trasferire nei giorni di maggiore necessità i medici dell’omologo reparto sanremese a Imperia ma su questa possibilità sono emersi alcune preoccupazioni e dubbi da parte degli stessi e dei sindacati. Inoltre, la chiusura comporterebbe non pochi disservizi ai pazienti oggetto di interventi nei reparti di Urologia, Ginecologia e Chirurgia che necessitano di esami intra-operatori come biopsie e analisi specializzate.
Il timore della chiusura definitiva del reparto è anche legata all’ultima determina dell’Asl, datata 14 marzo, con la quale l’azienda sanitaria locale ha acquistato “3 Sistemi per la Gestione e Conservazione dei Campioni Istologici e relativo materiale di consumo da utilizzare nelle Sale Operatorie di Sanremo e Imperia ed Anatomia Patologica di Sanremo” senza prevedere i macchinari per il reparto imperiese di Anatomia Patologica.
“Siamo preoccupati per il futuro del reparto, – ha detto Nico Zanchi (Cisl Fp) a ImperiaPost – da quello che è emerso in fase di trattativa c’è un concreto rischio di chiusura definitivo, non solo temporaneo. Chiederemo un incontro urgente alla direzione Asl per avere chiarimenti in merito al futuro degli operatori anche in funzione dei possibili disservizi o disagi causati all’utenza. L’auspicio è quello che si tratti di un “falso allarme” ma di certo vigileremo sull’evolversi della situazione”.  

 

 

 
 
 
popup