Home, Imperia — 27 marzo 2014 alle 14:56

INCONTRO TRA CAPACCI E I COMMERCIANTI DI BORGO MARINA: “CHIEDIAMO CANTIERE A MACCHIA DI LEOPARDO PER POTER LAVORARE”

Si è svolto questa mattina in Comune l’incontro tra Confesercenti, commercianti e il Sindaco Capacci.
Il primo cittadino: “Mi sono preso l’impegno di verificare la situazione con il vicesindaco Zagarella”

di Mattia Mangraviti

10150002_378868938919127_1136552131_n

Imperia – Si è svolto questa mattina in Comune l’incontro tra Confesercenti, commercianti e il Sindaco Capacci in merito ai lavori che stanno interessando la zona di Borgo Marina per il progetto “Dal Parasio Al Mare”. Le richiest portate avanti dai commercianti sono semplici e molto precise: chiedono garanzie sul termine ultimo dei lavori, in quanto, la loro paura è che si possano protrarre anche nella stagione estiva, compromettendola.

C’è una programmazione dei tempi che mi sembra rispettata – spiega il Sindaco CapacciI commercianti mi hanno presentato le loro problematiche dal punto di vista delle attività imprenditoriali perchè sono preoccupati di una mancata o parziale apertura durante il periodo estivo e così hanno chiesto ulteriori rassicurazioni sul fatto che i lavori non interferiranno con le loro attività commerciali. Io – prosegue il Primo Cittadino – mi sono preso l’impegno di verificare insieme al vice-Sindaco Zagarella”

Giovanni Cosentino, direttore provinciale di Confesercenti, dal canto suo ha dichiarato: “La situazione è che Borgo Marina è un cantiere aperto da tanto tempo e alcune attività sono praticamente chiuse dai cantieri. Abbiamo chiesto delle certezze sulla scadenza dei lavori perchè la stagione estiva è imminiente. Si teme di non avere lo spazio agibile e abbiamo chiesto la possibilità di rendere il cantiere agibile a macchia di leopardo per le varie attività per comunque esercitare l’attività stessa e il Sindaco ci ha detto che ci darà le risposte. Abbiamo sollevato anche il problema dei parcheggi visto che ci sono lavori anche in Via Boine e abbiamo prospettato la possibilità di usare quelli dell’area Molo e della Dogana. Abbiamo anche chieso di togliere la pannellatura che copre completamente la piazza e le attività alle spalle. Se i tempi si dilatano ancora alcune imprese rischiano di saltare“.