Attualità, Home, Porto di Imperia — 27 marzo 2014 alle 21:08

ESCLUSIVA/LA PORTO DI IMPERIA SPA A UN PASSO DAL FALLIMENTO.
CHIESTA LA REVOCA DELL’AMMISSIONE AL CONCORDATO PREVENTIVO

I commissari giudiziali della Porto di Imperia Spa hanno chiesto la revoca dell’ammissione
al concordato e la dichiarazione di fallimento nel corso della procedura

di Redazione

Porto-di-Imperia-311-1

I commissari giudiziali della Porto di Imperia Spa hanno chiesto la revoca dell’ammissione al concordato e dichiarazione del fallimento nel corso della procedura. Il 14 maggio prossimo è fissata l’udienza per discutere della richiesta di revoca da parte dei commissari. Lunedì l’amministratore unico della Porto di Imperia Spa Giuseppe Argirò illustrerà la situazione nel corso di una conferenza stampa.
Il 14 maggio l’amministratore unico Argirò e i legali della Porto di Imperia Spa dovranno fornire gli elementi necessari a dimostrare ai commissari che il concordato può essere portato a compimento. Tre le condizioni chiave, l’accordo con Acquamare per il suo definitivo disimpegno dalla Porto di Imperia Spa (detiene il 33% delle quote azionarie), l’accordo con le banche finanziatrici di Acquamare per la cancellazione dell’ipoteca iscritta sui beni demaniali e l’accordo con il Comune di Imperia per la proroga/rinnovo della concessione demaniale.

Di certo c’è che la richiesta dei commissari mette la parola fine sulla lunghissima querelle relativa al futuro della Porto di Imperia Spa e del porto turistico di Imperia. Il 14 maggio sarà una giornata chiave. Da dentro o fuori.

Mattia Mangraviti e Gabriele Piccardo