Imperia, Politica — 4 aprile 2018 alle 09:51

IMPERIA. “MANIFESTAZIONI ESTIVE A RISCHIO SE NON SI APPROVA IL BILANCIO”. FOSSATI (AREA APERTA) REPLICA A CAPACCI:”LASCI LAVORARE CHI VUOLE FARLO”

Il portavoce di Area Aperta, Giuseppe Fossati, a seguito delle dichiarazioni del sindaco Capacci sul futuro incerto delle prossime manifestazioni nel caso in cui il consiglio comunale non dovesse approvare il bilancio preventivo

di Redazione

collage_fossatibilancio

Tralasciando il gossip sulle possibili candidature alternative a Claudio Scajola, che poco o nulla interessano i cittadini, le notizie politico-amministrative di ieri erano essenzialmente due

La giusta rimostranza dell’Associazione “Mani in Arte” per l’immotivato no dell’Amministrazione Comunale all’organizzazione, come lo scorso anno, dei mercatini artigianali a Borgo Prino e l’allarme del Sindaco Capacci per l’impossibilità di finanziare manifestazioni ove il bilancio non venga approvato” - Così , in una nota stampa, il portavoce di Area Aperta, Giuseppe Fossati, a seguito delle dichiarazioni del sindaco Capacci sul futuro incerto delle prossime manifestazioni nel caso in cui il consiglio comunale non dovesse approvare il bilancio preventivo.

“Parrebbero due notizie senza nessuna attinenza, invece non è così. L’attinenza c’è  - prosegue Fossati – e consiste nell’essere paradigmatiche di come non bisogna amministrare una città. Una città non deve essere amministrata negando la possibilità di lavorare a chi vuole farlo.

Una città non deve essere amministrata negando la possibilità di creare attrattive commerciali e turistiche, tra l’altro, a costo zero per il Comune.

Una città non deve essere amministrata negando la possibilità di riproporre iniziative apprezzate dai cittadini e dai turisti, che attirano presenze in un’area altrimenti abbandonata a se stessa dal Comune e finanziate completamente da imprenditori che chiedono solo di poter lavorare e di avere un Comune amico di chi vuole intraprendere.

Una città, venendo al bilancio, non deve essere amministrata da persone attaccate alla poltrona, che nonostante non abbiano più nessun consenso e nessuna rappresentatività politica pretendono di imporre le loro scelte e fare passerella.

Il Comune autorizzi i mercatini artigianali al Prino e lasci lavorare chi vuole farlo. Il Sindaco prenda e dia atto che non ha più l’appoggio di nessuno, che non può imporre nulla a nessuno, e ammetta che se il Comune non riesce ad approvare il bilancio è solo colpa sua e della sua maggioranza che si è squagliata come neve al sole.

Il Sindaco faccia proposte di bilancio serie, invece di preparare improbabili passerelle pre-elettorali per sé o per l’Assessore Abbo, dando la colpa sempre ad altri.

Soprattutto, il Sindaco risponda alla domanda che il Consigliere Giuseppe Fossati, espressione di Area Aperta, ha formulato da giorni e per iscritto a lui, all’Assessore Abbo, al Segretario Comunale ed al Dirigente competente: il bilancio che hanno approvato in giunta, è conforme alle severe indicazioni ricevute dalla Corte dei Conti?

Quello che abbiamo letto ieri è pradigmatico di come non bisogna amministrare una città. Area Aperta si sta impegnando perché la prossima amministrazione abbia un approccio completamente diverso”.