Attualità, Home — 10 aprile 2018 alle 15:10

LIGURIA. UCCELLI MIGRATORI. DE FERRARI (M5S):”VITTIME DI CAMBIAMENTI CLIMATICI E CACCIA, SERVE UN PIANO DI PROTEZIONE SPECIALE”

“Una strage inaccettabile che la Giunta Toti rifiuta di riconoscere e affrontare, come ha dimostrato ancora una volta l’assessore Mai in Aula”

di Redazione

collage_uccellideferrari

“L’assessore Mai tira dritto per la sua strada e rifiuta di ascoltare gli appelli delle associazioni ambientaliste-animaliste, come in questo caso Lipu Italia, che nel mese di maggio 2017 si sono fatte portavoce di studi di rilievo internazionale come il Birds in Europe 3 di Birdlife International, lanciando l’allarme sulla grave minaccia a cui sono sottoposti gli uccelli selvatici e migratori in Liguria. Cinque delle quali in categoria SPEC 1, ossia minacciate a livello mondialeCosì, in una nota stampa Marco De Ferrari, portavoce MoVimento 5 Stelle Liguria.

Una strage inaccettabile che la Giunta Toti rifiuta di riconoscere e affrontare, come ha dimostrato ancora una volta l’assessore Mai in Aula.

Noi non ci arrendiamo. Oggi in Consiglio regionale con un’interrogazione sul tema abbiamo chiesto – e lo ribadiremo in Commissione III - l’attuazione di un piano di protezione speciale per tutti gli uccelli selvatici e migratori, con particolare attenzione alle specie minacciate a livello mondiale e che si trovano in uno stato di conservazione sfavorevole.

Da Regione e da tutte le istituzioni, a partire dai ministeri dell’Agricoltura e dell’Ambiente, ci attendiamo interventi concreti per fermare questa strage. Insieme alle associazioni ambientaliste, continueremo a fare la nostra parte in questa battaglia fondamentale e quanto mai attuale nel 2018, anno mondiale per la protezione dell’avifauna migratoria che celebra il centenario del Migratory bird treaty act, il primo atto internazionale per la protezione degli uccelli migratori firmato nel 1918.

Solo nell’area del Mediterraneo si stima che ogni anno vengano abbattuti fino a 36 milioni di uccelli, vittime di caccia e bracconaggio. Una specie estinta è persa per sempre e, per riportare le parole del grande etologo Danilo Mainardi scomparso solo un anno fa, “ogni estinzione è sempre una tragedia”.

 
 
 
ITALIE_PC_1980X1080-imperiapost_new