Home, Imperia — 30 marzo 2014 alle 09:00

“SALVIAMO L’ARCHIVOLTO DELLA TINA”. OLTRE 50 PERSONE PRESENTI:”È IL SIMBOLO DEL PARASIO, L’ACCESSO ALLA CITTÀ VECCHIA”/FOTO E VIDEO

Salvatore Grenci: ” Il Parasio è uno dei centri storici più belli d’Italia e vederlo in queste condizioni
fa male al cuore”. Il vicesindaco Zagarella ha confermato l’impegno dell’amministrazione per il restauro

di Mattia Mangraviti

10149504_379763868829634_48931567_n

Circa 50 persone hanno preso parte ieri sera, sabato 29 marzo, all’evento denominato “Salviamo dal degrado l’archivolto della Tina” e organizzato dal comitato “Salviamo l’archivolto della Tina”. All’incontro ha preso parte anche il vicesindaco Giuseppe Zagarella che, in conclusione, ha confermato la decisione del Comune di inserire il restauro dell’Archivolto della Tina nel programma triennale delle opere pubbliche.

Nel corso dell’evento sono stati proiettati alcuni video che hanno ripercorso la storia del Parasio e dell’Archivolto della Tina e la leggenda di San Maurizio. Sulle pareti di Porta Martina sono stati poi esposte fotografie, sia a colori, che in bianco e nero, del Parasio e delle sue meraviglie architettoniche.

Intervistato da ImperiaPost, l’organizzatore Salvatore Grenci ha spiegato: ““Questa iniziativa nasce un paio di anni fa per iniziativa mia e di Gabriele Oreggia. Abbiamo scelto come espressione emblematica del degrado del Parasio l’Archivolto della Tina, Porta Martina, perché è un manufatto storico di straordinaria importanza nel senso che era uno degli ingressi principali alla città medievale. Abbiamo scelto di perorare la causa del suo restauro perché è un pò il simbolo del Parasio, l’entrata del Parasio, l’accesso alla città vecchia dove poi si svolgeva tutta la vita. Si entrava da via Carducci, che era poi l’unica via principale della città e si passava appunto da Porta Martina. Il Parasio è uno dei centri storici più belli d’Italia e vederlo in queste condizioni fa male al cuore. C’e stato un tentativo di restauro al Parasio che potremmo definire a macchia di leopardo, nel senso che magari qualche palazzo d’epoca dove soggiornano o abitano notabili e politici viene opportunamente restaurato, così abbiamo questa arlecchinata, con alcuni manufatti che sono stati restaurati e altri che invece versano nel degrado più assoluto. Uno di questi è proprio Porta Martina. Il vicesindaco Zagarella e questa amministrazione hanno messo questo restauro nella programmazione triennale. Un impegno che per noi è una cosa bellissima. Le foto esposte questa sera appartengono ad alcuni dei migliori fotografi di Imperia. Cito Giuseppe Turchi, il dottor Franco Verda, Lea Dorio. Foto sono bellissime e vengono messe in vendita. Tutto il ricavato andrà a favore del restauro di questo straordinario manufatto. Ci sono anche video questa sera, uno di questi è di Walter Arquà, poi uno ancora di Beppe Turco e uno di Katia Marangono, straordinaria collaboratrice di questa avventura”.

10169107_379763328829688_661198678_n

10154644_379763862162968_555472956_n

10152763_379763325496355_2053259655_n

10151701_379763425496345_855684277_n

10151073_379763865496301_2117276035_n

10150021_379763632162991_1986442800_n

10149294_379763628829658_998599827_n

10149278_379763625496325_9719230_n

1483559_379763332163021_1007559967_n

1482053_379763872162967_200688367_n

967997_379763422163012_1813804798_n

967462_379763418829679_1677357244_n