Elezioni comunali 2018, Home — 10 maggio 2018 alle 16:13

ELEZIONI IMPERIA 2018: MARIA NELLA PONTE CANDIDATO SINDACO, PRESENTATA LA LISTA DEL M5S. “TRASPARENZA E COMUNICAZIONE PUNTI CARDINE “/FOTO E VIDEO

Alla presenza del candidato Sindaco Maria Nella Ponte e del capogruppo del M5S in consiglio regionale Alice Salvatore, sono stati presentati uno a uno tutti i candidati, alcuni dei quali, presenti in sala, hanno anche preso la parola

di Redazione

movimento-5-stelle-imperia-candidato-sindaco-maria-nella-ponte-presentazione-lista

Si è tenuta questa mattina, presso la Biblioteca Civica Lagorio a Imperia, la presentazione della lista del Movimento Cinque Stelle per le elezioni comunali del prossimo 10 giugno. Alla presenza del candidato Sindaco Maria Nella Ponte e del capogruppo del M5S in consiglio regionale Alice Salvatore, sono stati presentati uno a uno tutti i candidati, alcuni dei quali, presenti in sala, hanno anche preso la parola.

Al termine della conferenza stampa di presentazione, Maria Nella Ponte e Alice Salvatore si sono presentati ai microfoni dei cronisti presenti.

Maria Nella Ponte, perchè questa scelta di candidarsi per la poltrona di Sindaco di Imperia?

“Questa scelta è dovuta al fatto che sino ad oggi non mi sono mai occupata di politica , perchè sono sempre stata molto impegnata e interessata su altri ambiti. Dal momento in cui sono entrata in contatto con il nuovo Movimento 5 Stelle di Imperia 2018 e mi si è offerta , presentata davanti, la possibilità di contribuire fattivamente alla realizzazione di questo progetto per la lista di Imperia, inizialmente come candidata, ho subito accettato.

Quando è il momento di rimboccarsi le maniche e fare qualcosa per la città, io sono sempre disponibile. Mi si è presentata l’occasione per mettermi a disposizione della città e finalmente poter fare qualcosa per cambiare ciò che c’è da cambiare in città e migliorare ciò che c’è da migliorare e quindi ho subito accettato questa opportunità“.

Come si può cambiare la città di Imperia?

“Il metodo è quello appunto della trasparenza, della democrazia partecipativa, della comunicazione costante e trasparente con i cittadini. Un metodo che è comune a tutto il Movimento 5 Stelle a livello nazionale , che desideriamo portare anche ad Imperia“.

Alice Salvatore, lei ha puntato il dito contro la corruzione e le infiltrazioni della criminalità organizzata in questo territorio. Come mai?

“Purtroppo è una terra dove è presente in grande forma la malavita organizzata , il modo per scardinarla è senz’altro quello di riuscire a proporre degli amministratori pubblici che siano incorruttibili. Che non vadano a stringere patti o alleanze, che purtroppo caratterizzano gran parte della vita politica in Italia oggi”.

Maria Nella Ponte, quali sono le priorità per Imperia?

“Ci sono delle priorità, ciascuno ha le proprie priorità, riteniamo proprio per i principi sul quale si baserà l’azione del Movimento 5 Stelle ad Imperia, di dare le priorità sentendo quali sono le necessità vere , concrete , sentite da parte della popolazione.

Le urgenze , le emergenze, le questioni legali verranno affrontate indipendentemente dall’opinione pubblica, però sulla modalità di intervento a livello di spesa pubblica da fare ad Imperia sarà decisa con i cittadini”.

Come avete scelto i 22 candidati?

“Tramite la selezione tra i nostri attivisti ad opera del Movimento 5 Stelle e del coordinatore provinciale, Fabrizio Rovelli, che ha avuto un ruolo di catalizzatore , di coordinatore.

Ha portato gli attivisti, i sostenitori e simpatizzanti del Movimento 5 Stelle ad avvicinarsi all’associazione Imperia in MoVimento, che è l’associazione del Movimento 5 Stelle sul territorio a livello locale, e da li con le assemblee, per scelta personale di ciascuno di mettere a disposizione il proprio tempo, la propria competenza, è stata creata questa lista.

Ovviamente è stata vagliata e valutata dalla sede nazionale del Movimento 5 Stelle, come tutte le liste. Sono stati presentati a metà marzo tutti i documenti formali che comprendevano anche la fedina penale immacolata di ciascuno dei nostri candidati e una volta che sono state fatte tutte le verifiche del caso, il Movimento 5 Stelle ha dato le autorizzazioni alle liste e noi siamo una delle 4 liste del Movimento 5 Stelle presenti per le amministrative di giugno del 2018″.

Una lista ridotta, come numero, rispetto agli altri candidati Sindaco di Imperia

“Se lei la paragona alle liste che hanno 100/150 candidati consiglieri che sostengono un unico candidato sindaco, sicuramente la nostra è ridotta. Vorrei ricordare che i termini di legge per poter presentare una lista a livello di elezioni amministrative per le città con popolazione superiore ai 45 mila abitanti, prevedono da 21 a 32 consiglieri.

Presentare una lista che ha di fatto 150 candidati che appoggiano, è sostanzialmente incostituzionale. Questa è la nostra ipotesi, questa è la nostra idea , questo è il modo di agire del Movimento 5 Stelle, secondo la legalità.

Noi abbiamo una lista completa di persone valide, di persone che desiderano partecipare e la abbiamo presentata”.

Alice Salvatore, cosa intendente fare per combattere le eventuali infiltrazioni mafiose?

“Purtroppo è da tempo che nelle relazioni della commissione antimafia la Liguria si distingue per questa caratteristica e non sono ultime, neè la provincia di Imperia, ne la provincia di Genova.

Il problema più grave, più grosso, è che se ne parla davvero molto poco, che la percezione della cittadinanza sia quello di un problema lontano, spesso anche geograficamente. Purtroppo la realtà non è affatto questa.

Le soluzioni per poter affrontare questo problema in realtà partono dal riuscire ad avere degli amministratori pubblici che siano incorruttibili, che siano sordi e ciechi all’istanza della malavita organizzata e invece aperti a quella della cittadinanza, come dovrebbe essere secondo la nostra Costituzione. Quello è un elemento imprescindibile.

È nostra intenzione, proprio in queste settimane, proporre e ottenere , perchè pare che ci sia da parte dell’assessore Viale, vicepresidente della giunta Regionale un’ intenzione all’apertura, una commissione di inchiesta antimafia a livello regionale. Cosa che è già presente in moltissime altre regioni d’Italia e vista l’attenzione che è stata data alla Liguria da parte della commissione antimafia, riteniamo che sia doveroso e opportuno provvedere anche qui”.

L’ultima amministrazione, per quanto riguarda il contributo del M5S, è stata un disastro. I consiglieri erano due, Antonio Russo è stato allontanato dal Movimento e Cara Glorio non si è praticamente mai presentata in consiglio comunale negli ultimi 3 anni. Come garantire ai cittadini il controllo sull’operato dei vostri consiglieri comunali eletti?

“La prima cosa per una politica che funzioni è quella della vigilanza e della partecipazione. Partecipa, scegli e cambia, non è un motto scelto a caso. Noi vogliamo che i cittadini vengano e vedano con i lori occhi quello che succede all’interno delle istituzioni.

Chiediamo a tutti i sostenitori del Movimento 5 Stelle, agli elettori, anzitutto di informarsi. Un cittadino informato è un cittadino sovrano.

Io sono certa, ed è per questo che siamo qui oggi a presentare la lista per il Movimento 5 Stelle, che i nostri candidati, a partire della nostra candidata Sindaco Maria Nella Ponte, possano rispecchiare quelli che sono i nostri criteri, i parametri, di onestà intellettuale, correttezza e soprattutto passione verso questa missione politica che noi vogliamo portare dentro l’amministrazione pubblica della città di Imperia.

L’invito è quello di seguire la campagna elettorale, conoscere i nostri candidati, informarsi su di loro e valutare con i propri occhi”.

Una volta eletti, come controllerete il loro operato?

“Questo però è un problema che riguarda una qualsiasi forza politica. Non è una prerogativa del Movimento 5 Stelle, ne di altre forze politiche. In questo noi però ci siamo sempre distinti. Nel momento in cui degli eletti dovessero non rispettare il programma o assumere degli atteggiamenti e dei comportamenti non conformi con quella che è l’etica professionale e istituzionale che ci si aspetta dall’amministratore pubblico, noi siamo sempre stati in grado di allontanare queste persone e di togliere di fatto la possibilità di parlare a nome del Movimento 5 Stelle.

Era il Giudice Paolo Borsellino che invitava i partiti a fare per primi loro pulizia al loro interno, nel momento in cui ci fossero situazioni anche solo a livello superficiale , non conformi rispetto a quelle che sono le regole e i parametri di libertà“.

Con Cara Glorio non è successo. Non è mai stata presente negli ultimi anni in consiglio comunale e non è stata allontanata. Non solo, gli attivisti del M5S che volevano espellerla non ci sono riusciti.

Cara Glorio non ha mai contravvenuto a questioni programmatiche del Movimento 5 Stelle, c’è stato un comportamento che non è perseguibile come un esempio di quello che noi non ci aspettiamo all’interno delle istituzioni, ma si tratta di una situazione legata per di più a questioni di natura personale. Che esulano da quella che è la vita politica, le situazioni personali possono succedere a ciascuno di noi. In questo senso noi vogliamo e crediamo che il Movimento 5 Stelle ad Imperia stia nascendo nuovamente”.

Come cambierà il vostro rapporto con la Giunta Regione nel caso in cui vi fosse un’alleanza di Governo tra M5S e Lega?

“Dobbiamo intanto vedere che cosa succede a livello romano, non credo che ci saranno dei cambiamenti. Come sappiamo non si tratta di un’alleanza, è scorretto parlare di alleanza. Si tratta invece del contratto alla tedesca di Governo.

Si mette sul tavolo una serie di punti programmatici che per trovare un accordo fra le diverse forze politiche, dopo di che si lavora come Governo per realizzare specificatamente quei punti politici. Non si tratta di fare unalleanza“.

E Forza Italia?

Forza Italia pare che si sia tirata indietro”.

Di Mario verrà a Imperia per la campagna elettorale?

“Ci contiamo e vediamo come si sviluppa la situazione e speriamo abbia la possibilità di passare qui a Imperia per Maria Nella Ponte e la lista”.

Magari insieme a Salvini?

Non penso proprio“.

Ecco la lista del Movimento Cinque Stelle

Ecco i nomi dei candidati:

  • Augusto Anselmo, 63 anni, energy manager
  • Antonino Barbera, 50 anni, termotecnico
  • Fabiano Boeri, 39 anni
  • Giancarlo Boscolo (detto Gioachina), 66 anni, ristoratore
  • Arianna Broussard, 53 anni
  • Tiziana Concas, 45 anni
  • Alberto Coperchini, 71 anni, manager in pensione
  • Marcello Cutrì, 62 anni
  • Maristella Davighi, 57 anni
  • Ivano Drocco, 55 anni, commerciante
  • Davide Ferraris, 57 anni, dentista
  • Antonella Gaibisso, 64 anni
  • Graziano Guglielmotto, 26 anni
  • Antonella Impetuoso, 45 anni
  • Cristina Micali, 35 anni, commessa
  • Armando Morucci, 53 anni
  • Elisa Maurdaca, 72 anni
  • Claudio Novello, 55 anni
  • Eva Roasio, 42 anni
  • Mario Attilio Rosso, 48 anni
  • Stefano Semeria, 42 anni, addetto museo Ventimiglia
  • Paolo De Mare, 56 anni, geometra

Maria Nella Ponte si presenta

“Le persone di Imperia hanno avuto modo di conoscermi inizialmente come studentessa del Ruffini, ho conseguito il diploma nel ’96, poi come studentessa universitaria del Polo di Imperia anche se ho conseguito la laurea a Genova e ho frequentato un semestre di studi tramite la borsa di studio/concorso a Parigi con un programma Erasmus che mi ha arricchito particolarmente.

Successivamente tanti di voi hanno avuto modo di conoscere me e la mia famiglia tramite l’attività commerciale che avevamo qui ad Imperia, vendevamo frutta nel nostro negozio agrumi di Sicilia.

In particolar modo, con mia grande soddisfazione, avendo sempre avuto una passione per il cibo buono e di qualità, ci tengo a precisare che avevo avuto l’intuizione di anticipare i tempi sapendo che l’orientamento delle persone al cibo di qualità, proponendo sin dal 2002 molti prodotti siciliani presidiati dallo slow food. Con grande soddisfazione, quando nel 2007 aprì il primo Italy a Torino notai che, nonostante il nostro fosse un negozio di soli 40 mq, avevamo molti più prodotti nell’ambito di slow food che Italy a Torino”.

La presentazione del Programma

 
 
 
POPUPOKLANT