IMPERIA: UFFICIALE, LA REGIONE LIGURIA ACQUISTA IL POLO UNIVERSITARIO. “SARÀ ANCHE SEDE DEL CENTRO PER L’IMPIEGO”

Home Imperia

La Regione Liguria ha ufficializzato l’acquisto del Polo Universitario di Imperia
(via Nizza) nel corso dell’ultima seduta della Giunta Regionale, tenutasi a Imperia.

Schermata 2018-05-11 alle 16.03.19

La Regione Liguria ha ufficializzato l’acquisto del Polo Universitario di Imperia (via Nizza) nel corso dell’ultima seduta della Giunta Regionale, tenutasi a Imperia.

L’acquisto del Polo Universitario, la nota stampa della Regione Liguria

Su proposta dell’assessore regionale alla Formazione Ilaria Cavo, è stato deciso l’acquisto del polo universitario di Imperia di proprietà della Provincia per valorizzarlo e offrire una risposta di qualità agli studenti del ponente ligure. Con questa operazione l’Università di Imperia diventerà anche sede del centro per l’impiego, in modo da offrire risposte concrete in termini di occupabilità all’economia del territorio. Altri obiettivi sono la promozione delle attività di alta formazione dei poli universitari decentrati e il radicamento sul territorio delle istituzioni universitarie e di ricerca.

Il Polo imperiese porta avanti corsi di laurea specifici per il territorio, in linea con la sua vocazione turistica: in particolare il corso di laurea in Scienze del turismo, impresa, cultura e territorio che si va ad aggiungere ai corsi di laurea in Giurisprudenza triennali e quinquennali dedicati all’amministrazione e all’impresa anche seguendo le particolarità delle aziende che gravitano sul territorio.

La soddisfazione di Ilaria Cavo, assessore regionale

“È un’operazione importante che è stata studiata nel dettaglio dagli uffici ed è un grande segnale che vogliamo dare, perchè vogliamo dire che il Polo universitario di Imperia rimane, resta, sopravvive e andrà avanti. Ci sono 700 ragazzi in questo momento iscritti. È un polo che offre corsi di giurisprudenza, ma anche un qualche cosa di molto peculiare che è la laurea in scienze del turismo e quindi riteniamo che questa provincia, questo territorio e questa città debbano continuare ad avere il presidio universitario.

Sarà l’operazione che poi porterà all’acquisto dell’immobile da parte della Regione e quindi anche un dialogo con l’Università, un coinvolgimento perchè i corsi vengano mantenuti e ci sarà spazio all’interno dell’immobile anche per il Centro per l’Impiego, che in questo momento è in un locale meno adatto, meno consono. Verrà trasferito per avere un locale adeguato, ma anche per dare un segnale di quello che riteniamo essere il nuovo corso dei Centri per l’Impiego, che non sarà soltanto un qualche cosa di burocratico, ma un centro vivo dove chiedere e fare domande legate all’occupazione ma anche alla formazione.

Abbiamo attivato anche altri provvedimenti oggi, ad esempio l’argomento di giunta che da mandato a Liguria Digitale di attivare degli accordi con i 4 comuni capoluogo, quindi inclusa Imperia per la realizzazione di centri digitali per la popolazione, ma in particolare per i giovani. Regione Liguria finanzierà l’allestimento di centri digitali multimediali di realtà aumentata, a disposizione della popolazione, ma soprattutto dei ragazzi e degli studenti. Tutto questa rientra nel piano della scuola digitale e dell’agenda digitale, spetterà ai singoli Comuni, quindi al Comune di Imperia in questo caso, decidere dove allestire questo centro.

Noi lo sosterremo, credo che anche questo sia un segnale importante per il territorio. Una iniziativa culturale, abbiamo portato avanti una delibera di iniziative culturali finanziate . In questo caso una iniziativa importante è quella dei frantoi dell’arte, fatta negli scorsi anni, ma anche quest’anno si concentra in questo territorio e viene arricchita. Viene arricchita da un accordo importante come direzione regionale scolastica. Alle scuole elementari si proporrà il progetto adotta un frantoio e adotta un olivo. Verranno portate le scuole a visitare i frantoi e a vedere che cos’è la realtà di questo territorio, da un punto di vista culturale, ma anche lavorativo per i più piccoli, per dare qualche segnale legato alla loro terra. Per quelli un po’ più grandi delle medie diventerà anche un ciclo di conferenze e di incontri culturali di letteratura legata all’olio“.

La soddisfazione di Fabio Natta, presidente della Provincia di Imperia

“Occorre dare un futuro al Polo Universitario. La Provincia in questi anni ha fatto degli sforzi enormi sotto il profilo economicofinanziario per mantenere i corsi di laurea a Imperia e oggi la Regione ci dice che ci sarà un impegno diretto per continuare su questa strada e quindi salvare l’Università a Imperia“.

 

 

Segui Imperiapost anche su: