Home, Imperia — 2 aprile 2014 alle 13:29

LA DENUNCIA DI FIORENZO RUNCO, DIRETTORE VIDEOFESTIVAL: “MULTATO MENTRE SCARICAVO MATERIALE PER LA MANIFESTAZIONE”

Runco ha pubblicato su Facebook il ticket della multa, con nome e cognome del Vigile Urbano, scatenando un’accesa
discussione. “Al Corpo di Polizia Municipale mi ‘hanno consigliato’ di…munirmi di ‘ragazzo guarda-macchina’”

di Mattia Mangraviti

961280_381069208699100_349566093_n

“Sei di Imperia se…prendi una multa sul carico e scarico, con le quattro frecce accese perchè…scarichi il materiale di una grande manifestazione che dona prestigio alla città (gratis per tutti!)”. Il post pubblicato da Fiorenzo Runco, direttore del Videofestival di Imperia, ha scatenato una vera e propria bagarre su Facebook, nel gruppo “Sei di Imperia se…”. Runco, infatti, in allegato al commento ha pubblicato il ticket della multa con nome e cognome del Vigili Urbano che ha elevato la sanzione.
Nel corso della lunga discussione, il direttore del Videofestival ammette di non aver utilizzato, per le operazioni di scarico, un camion di rappresentanza, ma la sua auto, aggiungendo, però, di aver posto ben in vista il materiale pubblicitario della manifestazione e del Comune di Imperia (“non ero munito di ‘camion regolamentare’ ma solo di auto privata! Mea culpa che…disgraziatamente per consegnare il materiale pubblicitario di una manifestazione che ha il Patrocinio del Comune (e non solo) tra l’altro lasciato ben evidente, non abbia avuto il…mezzo giusto! Per due anni consecutivi mi chiudono il portone nel bel mezzo del festival, oggi mi multano per “mancata detenzione di idoneo mezzo”…mi chiedo che altra divertente genialità si può ancora mettere in atto…”)

Il direttore del Videofestival ha anche aggiunto che “al Corpo di Polizia Municipale mi ‘hanno consigliato’ di…munirmi di ‘ragazzo guarda-macchina’ che, prontamente, in caso di vigile ‘malintenzionato’ blocchi ogni qualsivoglia intenzione, adducendo al fatto che il mezzo si trova lì proprio per…scaricare !!!!”.

In chiusura Runco scrive: “Io ho lasciato ben evidenti tutti i segnali che potevo: le quattro frecce erano accese: segnale evidente di assoluta temporaneità; le locandine del festival con i vari stemmi del Comune, Provincia, Regione e Ministeri vari ben evidenti, che altro dovevo fare? Potevo lasciare l’auto aperta o munirmi di “garzone guarda-auto”? A me pare un tantino troppo…”

Il direttore del VideoFestival ha pubblicato un post simile anche sulla propria bacheca.
“Oggi ho preso una multa. La mia prima multa. Il motivo: sostavo con le quattro frecce accese e la locandina del Video Festival in evidenza sul “carico e scarico” indovinate un pò?…per scaricare i pacchi di materiale da distribuire in città !!! Grazie. Grazie davvero!”.
Nel messaggio Runco “tagga” il Sindaco Carlo Capacci, l’assessore alla cultura Sara Serafini e il presidente del consiglio comunale Paolo Strescino, per essere sicuro che possano leggere il suo sfogo. Sino a questo momento nessuno dei tre ha risposto.